Roche Oncologia
BMS
Novartis
Lung Unit

Coorte G di KEYNOTE-021: benefici a 4 anni con Pembrolizumab nel carcinoma polmonare avanzato non-a-piccole cellule


I dati di follow-up a 4 anni della coorte G di KEYNOTE-021, presentati durante l'International Association for the Study of Lung Cancer 2020 North America Conference on Lung Cancer [ IASLC NACLC 2020 Conference ], hanno fornito elementi a sostegno dell'impiego dell'inibitore del checkpoint immunitario Pembrolizumab ( Keytruda ) nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in fase avanzata.

I risultati della coorte G hanno dimostrato che il trattamento di prima linea con Pembrolizumab in combinazione con la chemioterapia ha indotto un miglioramento significativo dei tassi di risposta obiettiva ( ORR ), della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e un beneficio sostenuto di sopravvivenza a lungo termine, nei pazienti con tumore NSCLC non-squamoso, avanzato, rispetto alla sola chemioterapia.
La coorte G includeva pazienti senza aberrazioni tumorali genomiche di EGFR o ALK.

Il tasso di risposta obiettiva in KEYNOTE-021 è stato del 58% con il regime Pembrolizumab rispetto al 33% con la sola chemioterapia; il rischio di progressione della malattia o di mortalità è stato ridotto del 46% ( hazard ratio, HR 0.54; IC 95%, 0.35-0.83 ) con Pembrolizumab.

Tra i pazienti che hanno ricevuto Pembrolizumab in combinazione con Pemetrexed e chemioterapia con Platino, il 50% è rimasto in vita a 3 anni contro il 37% tra coloro che avevano ricevuto solamente Pemetrexed e chemioterapia a base di Platino.
Il regime di combinazione ha anche ridotto il rischio di morte del 29% ( HR 0.71; IC 95%, 0.45-1.12 ) rispetto alla sola chemioterapia.

La sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata pari a 34.5 mesi con la combinazione contro 21.1 mesi con la sola chemioterapia, e il beneficio in termini di sopravvivenza globale è stato osservato nonostante un tasso di crossover effettivo del 70% dalla chemioterapia alla terapia anti-PD-1 / PD-L1, che ha riguardato 28 pazienti che sono stati trattati con il regime di combinazione come parte del crossover durante lo studio.

La sopravvivenza mediana senza progressione è stata pari a 24.5 mesi con la combinazione rispetto a 9.9 mesi.
Il tasso stimato di sopravvivenza PFS a 3 anni è stato pari al 37% con la combinazione e del 16% con la sola chemioterapia.

La durata mediana della risposta ( DOR ) era superiore di 1 anno con la combinazione ( 36.3 mesi vs 22.8 mesi con la sola chemioterapia ).
Inoltre, il 51% dei pazienti nel braccio Pembrolizumab ha presentato risposte che sono durate almeno 3 anni contro il 47% del braccio controllo.

A 3 anni, il 92% dei pazienti che aveva completato 2 anni di trattamento con Pembrolizumab era in vita ( 11 pazienti su 12 ).
Tutti e 12 i pazienti sono stati in grado di ottenere una risposta obiettiva e il tasso stimato di durata della risposta a 3 anni è stato del 100%, mentre il tasso mediano non è stato raggiunto.

Lo studio non ha dimostrato alcun nuovo segnale di sicurezza per Pembrolizumab in combinazione con il regime chemioterapico.
Il 39% del braccio Pembrolizumab e il 31% del braccio chemioterapico hanno manifestato eventi avversi di grado 3-5 correlati al trattamento ( TRAE ), e questi hanno portato a interruzioni rispettivamente nel 17% e nel 16%.
Gli eventi TRAE di grado 3-5 hanno causato morte nel 2% del braccio Pembrolizumab e nel 3% nel braccio sola chemioterapia.

Questi risultati di KEYNOTE-021 rappresentano dati di follow-up più lunghi per la combinazione di una terapia anti-PD-1 / PD-L1 con la chemioterapia nel contesto di prima linea del carcinoma al polmone non-a-piccole cellule. ( Xagena2020 )

Awad MM et al, J Thorac Oncol 2020; Online ahead of print

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro