Gilead Banner
Bayer Banner
Natera Banner
Tumore prostata

Dati completi dello studio CheckMate 743 a supporto dell'approvazione di Nivolumab / Ipilimumab nel mesotelioma pleurico maligno


Il trattamento con Nivolumab ( Opdivo ) più Ipilimumab ( Yervoy ) ha portato a un maggiore miglioramento della sopravvivenza globale ( OS ) rispetto alla chemioterapia standard di cura nei pazienti con mesotelioma pleurico maligno non-resecabile, secondo il set completo di dati dello studio CheckMate 743.

La combinazione Nivolumab più Ipilimumab è stata approvata dalla FDA ( Food and Drug Administration ) statunitense nell'ottobre 2020 per il trattamento di prima linea degli adulti con mesotelioma pleurico maligno non-resecabile sulla base dei dati dell'analisi ad interim prespecificata di CheckMate 743.

Lo studio di fase 3 in aperto ha assegnato in modo casuale 605 pazienti con mesotelioma pleurico maligno non-operabile di nuova diagnosi a ricevere Nivolumab più Ipilimumab oppure chemioterapia a base di Platino più Pemetrexed.
Tutti i pazienti hanno ricevuto anche Acido Folico e Vitamina B12 una settimana prima della prima dose del trattamento in studio.

L'endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza globale; gli endpoint secondari includevano sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), tasso di risposta obiettiva ( ORR ), durata della risposta ( DoR ), tasso di controllo della malattia e sicurezza.

Al basale, l'età mediana era di 69 anni e il 77% dei pazienti era di sesso maschile. Il 57% erano fumatori correnti o ex.
Tra il 95% e il 98% dei pazienti con stato di PD-L1 quantificabile nei bracci Nivolumab / Ipilimumab e chemioterapia, rispettivamente, l'80% e il 74% avevano livelli di espressione di PD-L1 dell'1% o superiori.

Lo studio ha raggiunto l'endpoint specificato in questa analisi ad interim, e l'analisi è stata quindi considerata definitiva.

È stato riscontrato che Nivolumab più Ipilimumab prolunga in modo significativo la sopravvivenza globale, con una mediana di 18.1 mesi rispetto ai 14.1 mesi con la chemioterapia ( hazard ratio, HR=0.74; IC 96.6%: 0.60-0.91; P = 0.0020 ). Ciò si è tradotto in percentuali di sopravvivenza globale a 1 e 2 anni del 68% e 41% con Nivolumab più Ipilimumab, rispettivamente, contro il 58% e il 27% con la chemioterapia.

Quando stratificato per istologia, il beneficio in termini di sopravvivenza globale con Nivolumab più Ipilimumab è rimasto significativo per la malattia non-epitelioide, con una mediana di 18.1 mesi rispetto a 8.8 mesi con la chemioterapia ( HR 0.46; IC 95% 0.31-0.68 ).
La sopravvivenza globale era simile tra i gruppi tra i pazienti con istologia epitelioide ( HR, 0.86; IC 95%, 0.69-1.08 ).
Il beneficio in termini di sopravvivenza globale era anche più evidente tra i pazienti con espressione di PD-L1 dell'1% o superiore ( HR, 0.69; IC 95%, 0.55-0.87 ).

Nonostante la differenza nella sopravvivenza globale, non c'era alcuna differenza significativa nella sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) tra i gruppi.
La sopravvivenza mediana senza progressione è stata di 6.8 mesi con Nivolumab più Ipilimumab rispetto a 7.2 mesi con la chemioterapia ( HR, 1.00; IC 95%, 0.82-1.21 ).
La sopravvivenza libera da progressione a 2 anni è stata rispettivamente del 16% e del 7% con Nivolumab più Ipilimumab o chemioterapia.

Anche il tasso di risposta obiettiva era simile tra i gruppi ( Nivolumab / Ipilimumab, 40% versus chemioterapia, 43% ).

La durata mediana di risposta era più lunga con l'immunoterapia ( 11.0 mesi vs 6.7 mesi ).

Le percentuali di eventi avversi di qualsiasi grado e grado da 3 a 4 erano simili tra i gruppi; tuttavia, eventi avversi gravi di qualsiasi grado si sono verificati più frequentemente con la combinazione Nivolumab e Ipilimumab ( 21% vs 8% ).
Gli eventi avversi correlati al trattamento hanno portato all'interruzione del trattamento nel 23% dei pazienti nel braccio Nivolumab più Ipilimumab rispetto al 16% dei pazienti nel braccio chemioterapico.

Dallo studio è emerso che il trattamento di prima linea con Nivolumab associato a Ipilimumab ha fornito un miglioramento significativo e clinicamente significativo della sopravvivenza globale rispetto alla chemioterapia con Platino più Pemetrexed.
Secondo gli Autori, la combinazione Nivolumab e Ipilimumab dovrebbe essere considerata come un nuovo standard di cura per i pazienti precedentemente non-trattati con mesotelioma pleurico maligno non-resecabile, indipendentemente dal sottotipo istologico. ( Xagena2021 )

Fonte: The Lancet, 2021

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021



Indietro