Lung Unit
Novartis
BMS
Tumore polmone

Denosumab rispetto ad Acido Zoledronico per il trattamento delle metastasi ossee in pazienti con carcinoma mammario in stadio avanzato


Uno studio randomizzato ha confrontato Denosumab ( Xgeva ), un anticorpo monoclonale umano contro il ligando RANK ( attivatore del recettore del fattore nucleare kB ), con Acido Zoledronico ( Zometa ) nel ritardare o prevenire gli eventi scheletrici in pazienti con carcinoma mammario con metastasi ossee.
I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere Denosumab per via sottocutanea 120 mg e placebo per via intravenosa ( n=1026 ) o Acido Zoledronico per via intravenosa 4 mg (con aggiustamento basato sulla clearance della creatinina ) e placebo per via sottocutanea ( n=1020 ) ogni 4 settimane.

A tutti i pazienti è stato raccomandato di assumere supplementazione giornaliera di Calcio e Vitamina D.

L'endpoint primario era il tempo al primo evento scheletrico nel corso dello studio ( definito come frattura patologica, terapia radiante o chirurgica all'osso o compressione della colonna spinale ).

Denosumab è risultato superiore ad Acido Zoledronico nel ritardare il tempo al primo evento scheletrico nel corso dello studio ( hazard ratio, HR=0.82; P=0.01 per superiorità ) e il tempo al primo e ai successivi ( multipli ) eventi scheletrici nello studio ( rate ratio, RR=0.77; P=0.001 ).

La riduzione nei marcatori del turnover osseo è risultata maggiore con Denosumab.

La sopravvivenza generale, la progressione della malattia e i tassi di eventi avversi ed eventi avversi gravi sono risultati simili tra i gruppi.

Con Acido Zoledronico si è verificato un eccesso di eventi avversi renali e reazioni di fase acuta, mentre l'ipocalcemia è stata osservata con maggior frequenza con Denosumab e l'osteonecrosi della mandibola è risultata poco frequente ( 2%, Denosumab; 1.4%, Acido Zoledronico; P=0.39 ).

In conclusione, Denosumab è risultato superiore ad Acido Zoledronico nel ritardare o prevenire eventi scheletrici in pazienti con tumore alla mammella con metastasi ossee ed è risultato generalmente ben tollerato.
Grazie al vantaggio di una iniezione sottocutanea e nessuna richiesta di monitoraggio renale, Denosumab rappresenta una potenziale opzione di trattamento per i pazienti con metastasi ossee. ( Xagena2010 )

Stopeck AT et al, J Clin Oncol 2010; 28: 5132-5139


Farma2010 Onco2010


Indietro