Lung Unit
Tumore Uroteliale
Melanome
ForumOncologico

Durvalumab associato a Platino-Etoposide vs Platino-Etoposide nel trattamento di prima linea del tumore al polmone a piccole cellule in stadio esteso: studio CASPIAN


La maggior parte dei pazienti con tumore polmonare a piccole cellule ( SCLC ) presentano una malattia in stadio esteso e la prognosi rimane sfavorevole.
Recentemente, l'immunoterapia ha dimostrato attività clinica nel tumore SCLC in stadio esteso ( ES-SCLC ).

Lo studio CASPIAN ha valutato Durvalumab ( Imfinzi ), con o senza Tremelimumab, in associazione con Etoposide più Cisplatino o Carboplatino ( Platino-Etoposide ) in pazienti naive-al-trattamento con tumore SCLC in stadio esteso.

Questo studio di fase 3 randomizzato, in aperto, è stato condotto in 209 siti in 23 Paesi. I pazienti eleggibili erano adulti con tumore SCLC in stadio esteso non-trattato, con performance status dell'OMS 0 o 1 e malattia misurabile secondo i criteri RECIST versione 1.1.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Durvalumab più Platino-Etoposide; Durvalumab più Tremelimumab più Platino-Etoposide; o Platino-Etoposide da solo.
Tutti i farmaci sono stati somministrati per via endovenosa.

Platino-Etoposide consisteva in Etoposide 80-100 mg/m2 nei giorni 1-3 di ciascun ciclo con, a scelta dello sperimentatore, Carboplatino con area sotto la curva di 5.6 mg/ml al minuto o Cisplatino 75-80 mg/m2 ( somministrato il giorno 1 di ciascun ciclo ).
I pazienti hanno ricevuto fino a quattro cicli di Platino-Etoposide più Durvalumab 1.500 mg con o senza Tremelimumab 75 mg ogni 3 settimane seguiti da mantenimento con Durvalumab 1.500 mg ogni 4 settimane nei gruppi immunoterapici e fino a 6 cicli di Platino-Etoposide ogni 3 settimane più profilassi con irradiazione cranica a discrezione dello sperimentatore nel gruppo Platino-Etoposide.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat.

Sono stati riportati i risultati per il gruppo Durvalumab più Platino-Etoposide rispetto al gruppo Platino-Etoposide da un'analisi intermedia pianificata. La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento in studio assegnato.

I pazienti sono stati arruolati tra il 2017 e il 2018. 268 pazienti sono stati assegnati al gruppo Durvalumab più Platino-Etoposide e 269 al gruppo Platino-Etoposide.

Durvalumab più Platino-Etoposide è risultato associato a un significativo miglioramento della sopravvivenza globale, con un hazard ratio di 0.73 ( P=0.0047 ); la sopravvivenza globale mediana è stata di 13.0 mesi nel gruppo Durvalumab più Platino-Etoposide rispetto a 10.3 mesi nel gruppo Platino-Etoposide, con il 34% rispetto al 25% dei pazienti vivi a 18 mesi.

Eventi avversi di qualsiasi causa di grado 3 o 4 si sono verificati in 163 pazienti su 265 ( 62% ) trattati nel gruppo Durvalumab più Platino-Etoposide e in 166 su 266 ( 62% ) nel gruppo Platino-Etoposide; eventi avversi che hanno portato alla morte si sono verificati in 13 ( 5% ) e 15 ( 6% ) pazienti.

Durvalumab più Platino-Etoposide di prima linea ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale nei pazienti con tumore SCLC in stadio esteso rispetto a un gruppo di controllo clinicamente rilevante.
I risultati sulla sicurezza erano coerenti con i profili di sicurezza noti di tutti i farmaci ricevuti. ( Xagena2019 )

Paz-Ares L et al, Lancet 2019; 394: 1929-1939

Pneumo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro