Lung Unit
Roche Oncologia
Novartis
BMS

Efficacia del Selpercatinib nei tumori della tiroide con alterazioni del gene RET


Le mutazioni nel gene RET si verificano nel 70% dei tumori midollari della tiroide e le fusioni RET si verificano raramente in altri tumori della tiroide.
Nei pazienti con carcinoma tiroideo alterato da RET, l'efficacia e la sicurezza dell'inibizione selettiva di RET non sono note.

Sono stati arruolati pazienti con carcinoma midollare della tiroide RET-mutante con o senza precedente trattamento con Vandetanib o Cabozantinib, nonché quelli con carcinoma tiroideo positivo alla fusione RET precedentemente trattato, in uno studio di fase 1-2 con Selpercatinib ( Retevmo ).

L'endpoint primario era una risposta oggettiva ( una risposta completa o parziale ), come determinato da un Comitato di revisione indipendente.
Gli endpoint secondari includevano la durata della risposta, la sopravvivenza libera da progressione e la sicurezza.

Nei primi 55 pazienti arruolati consecutivamente con carcinoma midollare della tiroide con mutazione di RET che avevano precedentemente ricevuto Vandetanib, Cabozantinib o entrambi, la percentuale di coloro che hanno presentato una risposta è stata del 69% e la sopravvivenza libera da progressione a 1 anno è stata dell'82%.

In 88 pazienti con tumore midollare della tiroide RET-mutato che non avevano precedentemente ricevuto Vandetanib o Cabozantinib, la percentuale di coloro che hanno avuto una risposta è stata del 73% e la sopravvivenza libera da progressione a 1 anno è stata del 92%.

In 19 pazienti con tumore tiroideo positivo alla fusione RET precedentemente trattati, la percentuale con risposta è stata del 79% e la sopravvivenza libera da progressione a 1 anno è stata del 64%.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore sono stati: ipertensione nel 21% dei pazienti, aumento del livello di alanina aminotransferasi [ ALT ] nell'11%, aumento del livello di aspartato aminotransferasi [ AST ] nel 9%, iponatriemia nell'8% e diarrea nel 6%.
Di tutti i 531 pazienti trattati, 12 (2%) hanno interrotto Selpercatinib a causa di eventi avversi correlati al farmaco.

In questo studio di fase 1-2, Selpercatinib ha mostrato un'efficacia duratura con effetti tossici principalmente di basso grado in pazienti con carcinoma midollare della tiroide con e senza precedente trattamento con Vandetanib o Cabozantinib. ( Xagena2020 )

Wirth LJ et al, N Engl J Med 2020; 383: 825-835

Endo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro