Novartis
OncoHub
Roche Oncologia
Tumore prostata

Efficacia di Savolitinib rispetto a Sunitinib nei pazienti con carcinoma papillare a cellule renali guidato da MET: studio SAVOIR


Il carcinoma papillare a cellule renali ( PRCC ) è il tipo più comune di carcinoma renale ( RCC ) a cellule non-chiare.
Poiché alcuni casi di carcinoma papillare a cellule renali sono guidati da MET, l'inibizione di MET potrebbe essere un approccio terapeutico mirato.
In precedenti studi, Savolitinib, un inibitore della tirosin chinasi di MET altamente selettivo, ha dimostrato un'attività antitumorale in questo gruppo di pazienti.

Si è determinato se Savolitinib sia un'opzione di trattamento migliore per questa popolazione di pazienti, rispetto allo standard di cura Sunitinib ( Sutent ), nello studio clinico randomizzato, in aperto, di fase 3, multicentrico SAVOIR, condotto in 32 centri in 7 Paesi tra il 2017 e il 2019.

Complessivamente, sono stati selezionati da 360 a 450 pazienti per randomizzarne circa 180.
I pazienti erano adulti con carcinoma papillare a cellule renali metastatico guidato da MET, confermato centralmente, con una o più lesioni misurabili.
I criteri di esclusione includevano la precedente ricezione di Sunitinib o un trattamento con inibitori di MET.
Complessivamente, sono stati sottoposti a screening 254 pazienti.

I pazienti hanno ricevuto 600 mg di Savolitinib per via orale una volta al giorno ( qd ), o 50 mg di Sunitinib per via orale qd per 4 settimane, seguite da 2 settimane senza trattamento.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS, valutata dallo sperimentatore e confermata da una revisione centrale indipendente in cieco ).
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza globale ( OS ), il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), la durata della risposta ( DoR ) e la sicurezza / tollerabilità.

Al cutoff dei dati, sono stati randomizzati 60 pazienti ( Savolitinib n=33; Sunitinib n=27 ); la maggior parte dei pazienti aveva un guadagno del cromosoma 7 ( Savolitinib, 30, 91%; Sunitinib, 26, 96% ) e nessuna terapia precedente ( Savolitinib, 28, 85%; Sunitinib, 25, 93% ).

Per Savolitinib e Sunitinib, 4 ( 12% ) e 10 ( 37% ) pazienti erano donne e l'età mediana era rispettivamente di 60 e 65 anni.

A seguito della disponibilità di dati esterni sulla sopravvivenza libera da progressione con Sunitinib nei pazienti con malattia MET-guidata, l'arruolamento è stato chiuso.

La sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza globale e il tasso di risposta obiettiva sono risultati numericamente maggiori con Savolitinib rispetto a Sunitinib.
Tuttavia, la sopravvivenza mediana libera da progressione non era statisticamente differente tra i due gruppi: 7.0 mesi per Savolitinib e 5.6 mesi per Sunitinib ( hazard ratio HR, 0.71; P=0.31 ).

Per Savolitinib e Sunitinib rispettivamente, eventi avversi di grado 3 o superiore sono stati riportati in 14 ( 42% ) e in 22 ( 81% ) dei pazienti.
Modifiche della dose correlate agli eventi avversi hanno riguardato 10 ( 30% ) e 20 ( 74% ) pazienti, rispettivamente.
Dopo l'interruzione, 12 ( 36% ) e 5 ( 19% ) pazienti trattati rispettivamente con Savolitinib e Sunitinib hanno ricevuto una successiva terapia antitumorale.

Sebbene il numero di pazienti e il follow-up fossero limitati, Savolitinib ha dimostrato un'efficacia incoraggiante rispetto a Sunitinib, con meno eventi avversi di grado 3 o superiore e modifiche della dose.
Sono necessarie ulteriori indagini su Savolitinib come opzione di trattamento per carcinoma papillare a cellule renali guidato da MET. ( Xagena2020 )

Choueiri TK et al, JAMA Oncol 2020; 6: 1247-1255

Onco2020 Nefro2020 Uro2020 Farma2020


Indietro