Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
ForumOncologico
OncoDermatologia

Efficacia e sicurezza della radioterapia interna selettiva con microsfere in resina con Ittrio-90 rispetto a Sorafenib nel carcinoma epatocellulare localmente avanzato inoperabile


Sorafenib ( Nexavar ) è il trattamento raccomandato per i pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato.
Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di Sorafenib con quelle della radioterapia interna selettiva ( SIRT ) con microsfere in resina con Ittrio-90 ( 90Y ) in pazienti con carcinoma epatocellulare.

Lo studio di fase III, SARAH, multicentrico, in aperto, randomizzato, controllato, è stato condotto in 25 Centri specializzati in malattie del fegato in Francia.
I pazienti erano eleggibili se avevano un'età di almeno 18 anni con un'aspettativa di vita maggiore di 3 mesi, avevano un ECOG performance status di 0 o 1, punteggio di funzione epatica Child-Pugh classe A o B di 7 o inferiore e carcinoma epatocellulare localmente avanzato ( Barcelona Clinic Liver Cancer BCLC stadio C ), o nuovo carcinoma epatocellulare non-idoneo per resezione chirurgica, trapianto di fegato o ablazione termica dopo un carcinoma epatocellulare precedentemente guarito ( con intervento chirurgico o terapia termoablativa ), o carcinoma epatocellulare con due cicli infruttuosi di chemioembolizzazione transarteriosa.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Sorafenib orale continuo ( 400 mg due volte al giorno ) o SIRT con microsfere in resina con 90Y 2-5 settimane dopo la randomizzazione.
I pazienti sono stati stratificati in base a Centro di randomizzazione, ECOG performance status, precedente chemioembolizzazione transarteriosa e presenza di invasione vascolare macroscopica.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale.

Le analisi sono state fatte sulla popolazione intention-to-treat; la sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Sorafenib o sono stati sottoposti ad almeno una seduta di radioterapia.

Tra il 2011 e il 2015, 467 pazienti sono stati assegnati in modo casuale; dopo il ritiro del consenso da parte di 8 pazienti, 237 sono stati assegnati a SIRT e 222 a Sorafenib.
Nel gruppo SIRT, 53 su 237 pazienti ( 22% ) non hanno ricevuto SIRT; 26 di questi 53 pazienti ( 49% ) sono stati trattati con Sorafenib.

Il follow-up mediano è stato di 27.9 mesi nel gruppo SIRT e 28.1 mesi nel gruppo Sorafenib.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 8.0 mesi nel gruppo SIRT rispetto a 9.9 mesi nel gruppo Sorafenib ( hazard ratio, HR= 1.15 per SIRT vs Sorafenib; P=0.18 ).

Nella popolazione di sicurezza, almeno un evento avverso grave è stato segnalato in 174 su 226 pazienti ( 77% ) nel gruppo SIRT e in 176 su 216 ( 82% ) nel gruppo Sorafenib.

Gli eventi avversi di grado 3 o peggiore correlati al trattamento più frequenti sono stati affaticamento ( 20, 9%, vs 41, 19% ), disfunzione epatica ( 25, 11%, vs 27, 13% ), aumento dei valori epatici di laboratorio ( 20, 9%, vs 16, 7% ), anomalie ematologiche ( 23, 10%, vs 30, 14% ), diarrea ( 3, 1%, vs 30, 14% ), dolore addominale ( 6, 3%, vs 14, 6% ), aumento della creatinina ( 4, 2%, vs 12, 6% ) e reazione cutanea mano-piede ( 1, inferiore a 1%, vs 12, 6% ).

19 decessi nel gruppo SIRT e 12 nel gruppo Sorafenib sono stati considerati correlati al trattamento.

Nei pazienti con carcinoma epatocellulare localmente avanzato o in stadio intermedio, dopo chemioembolizzazione transarteriosa non riuscita, la sopravvivenza globale non ha mostrato differenze significative tra i due gruppi.
La qualità di vita e la tolleranza potrebbero aiutare nella scelta tra i due trattamenti. ( Xagena2017 )

Vilgrain V et al, Lancet Oncology 2017; 18: 1624-1636

Gastro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro