OncoHub
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Novartis

Efficacia e sicurezza di Atezolizumab associato alla chemioterapia nel tumore al polmone non-a-piccole cellule con metastasi cerebrali non-trattate


I pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) non-squamoso, in fase avanzata, con metastasi cerebrali non-trattate hanno presentato risultati favorevoli di sicurezza e di efficacia quando trattati con la combinazione di Atezolizumab ( Tecentriq ) più Carboplatino e Pemetrexed, secondo i dati dello studio di fase 2 ATEZO-BRAIN.

A un follow-up mediano di 17.3 mesi, la combinazione ha prodotto una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) sistemica mediana di 8.9 mesi ( IC 95%, 6.7-13.8 ) nella popolazione di 40 pazienti.
La sopravvivenza PFS intracranica mediana è stata di 6.9 mesi ( IC 95%, 4.7-12.1 ).
Il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 18 mesi è risultato rispettivamente del 24.9% e del 10.4% a livello sistemico ed intracranico.

Le metastasi cerebrali sono la più frequente complicanza neurologica correlata al cancro e sono associate a un impatto negativo sulla qualità di vita e sulla funzione neurocognitiva, oltre ad essere associate a una prognosi infausta.

I pazienti idonei avevano un tumore NSCLC non-squamoso in stadio IV non-trattato con metastasi cerebrali non-trattate ed erano EGFR/ALK negativi, indipendentemente dall'espressione di PD-L1.
Inoltre, i pazienti per essere arruolati dovevano anche avere un performance status ECOG da 0 a 1 e avere lesioni misurabili a livello sistemico e cerebrale.
Erano consentiti anticonvulsivanti e Desametasone al dosaggio di 4 mg/die.

Gli endpoint primari dello studio erano la sicurezza e la sopravvivenza libera da progressione su giudizio dello sperimentatore secondo i criteri RECIST v1.1 e i criteri RANO-BM.
Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta globale ( ORR ), la sopravvivenza globale ( OS ), la qualità di vita e il tempo alla radioterapia cerebrale.
L'endpoint esplorativo era identificare le imnagini cerebrali e i biomarcatori ematici che potrebbero potenzialmente prevedere la risposta o la resistenza.

Atezolizumab, un anticorpo monoclonale, è stato somministrato per via endovenosa alla dose di 1200 mg una volta ogni 3 settimane per 4-6 cicli.
Il Carboplatino ( 5 AUC ) e Pemetrexed ( 500 mg/m2 ) sono stati somministrati con lo stesso schema di dosaggio.
Successivamente, Pemetrexed 500 mg/m2 e Atezolizumab 1200 mg sono stati somministrati una volta ogni 3 settimane per il mantenimento fino a progressione del tumore o alla tossicità inaccettabile per un massimo di 2 anni.
La valutazione del tumore è stata eseguita tramite tomografia computerizzata del corpo e risonanza magnetica cerebrale ogni 6 settimane fino alla settimana 12, quindi ogni 9 settimane fino a progressione della malattia.

Lo studio è stato condotto in 11 centri oncologici in tutta la Spagna. L'età media della popolazione in studio era di 62.6 anni, e il 72.5% dei pazienti era di sesso maschile. Tutti i pazienti erano caucasici, il 75% erano fumatori o ex-fumatori e il 15% non aveva mai-fumato.
La maggior parte dei partecipanti erano pazienti con istologia di adenocarcinoma polmonare ( 97.5% ) e performance status ECOG di 1 ( 65% ).

Il tasso di sopravvivenza senza progressione a 12 settimane è stato del 60%, superando il tasso previsto del 50%.
Il tasso di tossicità di grado 3/4 è stato del 27.5%, rientrando nell'intervallo accettabile dello 0-35%.
La sopravvivenza globale mediana è stata pari a 13.6 mesi ( IC 95%, 9.7 - non-raggiunto ) e il tasso di sopravvivenza globale a 2 anni è stato del 32%.

Il tasso di risposta globale intracranico secondo i criteri RANO-BM è stato del 40%. Quattro ( 10% ) pazienti hanno ottenuto una risposta completa ( CR ) e il 47.5% ha manifestato una malattia stabile ( DS ).
Il tasso di risposta globale sistemico, costituito da tutte le risposte parziali ( PR ), è stato del 47.5% secondo i criteri RECIST v1.1 e il 40% dei pazienti aveva malattia stabile.
Solo 4 pazienti hanno presentato discordanza tra la risposta sistemica e la risposta del sistema nervoso centrale, 2 con progressione della malattia sistemica e malattia stabile a livello cerebrale e 2 con progressione della malattia a livello cerebrale e risposta parziale sistemica.

In termini di sicurezza, la maggior parte degli eventi avversi correlati al trattamento ( TRAE ) erano di grado 1/2.
E' stata osservata trombocitopenia, neutropenia e allucinazioni di grado 4 in 1 paziente ciascuno. Non si sono verificati eventi TRAE ad esito fatale.

Gli eventi avversi comuni di qualsiasi grado sono stati: affaticamento ( 60% ), anemia ( 45% ), dispnea ( 28% ) e nausea ( 28% ).
Gli eventi avversi di grado 3 comprendevano: anemia ( 20% ), mal di schiena ( 10% ), trombocitopenia ( 5% ) e dispnea ( 3% ).
Gli eventi avversi immuno-correlati di qualsiasi grado consistevano principalmente in rash cutaneo ( 20% ), anoressia ( 20% ), aumento della alanina aminotransferasi [ ALT ] ( 13% ) e aumento della aspartato aminotransferasi [ AST ] ( 13% ). Due pazienti hanno manifestato eventi avversi immuno-correlati di grado 3, 1 con aumento di ALT e 1 con polmonite.

Dallo studio è emerso che il profilo di sicurezza e l'efficacia di Atezolizumab con la chemioterapia erano favorevoli nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule con metastasi cerebrali non-trattate, compresi quelli trattati con corticosteroidi.
La maggior parte delle risposte erano concordanti a livello sistemico e a livello cerebrale. ( Xagena2021 )

Fonte: International Association for the Study of Lung Cancer 2021 World Conference on Lung Cancer, Virtual Meeting, 2021

Pneumo2021 Onco2021 Neuro2021 Farma2021


Indietro