Lung Unit
Tumore Uroteliale
XagenaNewsletter
OncoDermatologia

Esiti riportati dal paziente con Durvalumab dopo chemioradioterapia nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule non-resecabile in stadio III: studio PACIFIC


Nel corso dello studio PACIFIC di fase 3 in corso, Durvalumab ( Imfinzi ) ha migliorato gli endpoint primari di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sopravvivenza globale ( OS ) rispetto al placebo, con sicurezza simile, in pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in fase III non-resecabile.
Sono stati valutati i risultati riportati dal paziente ( PRO ), uno degli endpoint secondari.

PACIFIC è uno studio di fase 3 in corso, internazionale, multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato.
I pazienti eleggibili avevano almeno 18 anni di età, avevano un performance status WHO di 0 o 1, con stadio III documentato istologicamente o citologicamente, tumore al polmone non-a-piccole cellule non-resecabile, per il quale avevano ricevuto almeno due cicli di chemioradioterapia a base di Platino, senza progressione della malattia dopo questo trattamento.

Sono stati assegnati in modo casuale i pazienti stratificando per età, sesso e storia di fumo a ricevere 10 mg/kg di Durvalumab endovenoso o placebo corrispondente, 1-42 giorni dopo chemioradioterapia concomitante, quindi ogni 2 settimane fino a 12 mesi.

Gli endpoint primari di sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale sono stati riportati in precedenza.
I risultati PRO erano un risultato secondario prespecificato.

Sono stati valutati i sintomi di PRO, il funzionamento e lo stato di salute globale o la qualità di vita nella popolazione intention-to-treat con il questionario EORTC Quality of Life Questionnaire-Core 30 ( QLQ-C30 ) versione 3 e il suo modulo sul tumore polmonare, il Quality of Life Questionnaire-Lung Cancer 13 ( QLQ-LC13 ) al momento dell'assegnazione casuale ai gruppi, alle settimane 4 e 8, ogni 8 settimane fino alla settimana 48 e quindi ogni 12 settimane fino a progressione.

Le variazioni dal basale a 12 mesi nei sintomi chiave sono state analizzate con un modello misto per misure ripetute ( MMRM ) e analisi time-to-event.
Una variazione di 10 punti o superiore rispetto al basale ( deterioramento o miglioramento ) è stata considerata clinicamente rilevante.

Tra il 2014 e il 2016, 476 pazienti sono stati assegnati a ricevere Durvalumab e 237 pazienti sono stati assegnati a ricevere placebo.
A partire dal 2018, il follow-up mediano è stato di 25.2 mesi.
Oltre il 79% dei pazienti trattati con Durvalumab e oltre l'82% dei pazienti trattati con placebo ha completato i questionari fino alla settimana 48.

Tra il basale e 12 mesi, i report PRO di interesse longitudinali prespecificati, tosse ( variazione media aggiustata per MMRM 1.8 nel gruppo Durvalumab versus 0.7 nel gruppo placebo ), dispnea ( 3.1 vs 1.4 ), dolore toracico ( -3.1 vs -3.5 ), fatica ( -3.0 vs -5.2 ), perdita di appetito ( -5.8 vs -7.0 ), funzionamento fisico ( 0.1 vs 2.0 ) e lo stato di salute globale o la qualità di vita ( 2.6 vs 1.8 ) sono rimasti stabili con entrambi i trattamenti, senza variazioni clinicamente rilevanti dal basale.

Le differenze tra i gruppi nelle variazioni dal basale a 12 mesi in tosse ( differenza nelle variazioni medie aggiustate 1.1 ), dispnea ( 1.6 ), dolore toracico ( 0.4 ), affaticamento ( 2.2 ), perdita di appetito ( 1.2 ), il funzionamento fisico ( -1.9 ) o lo stato di salute globale o la qualità di vita ( 0.8 ) non erano clinicamente rilevanti.

In generale, non vi sono state differenze clinicamente importanti tra i gruppi nel tempo al deterioramento degli endpoint chiave PRO prespecificati.

I risultati hanno indicato che un beneficio clinico con Durvalumab può essere raggiunto senza compromettere i PRO.
Questo risultato è degno di nota perché il precedente standard di cura era la sola osservazione, senza alcun presunto danno per i PRO. ( Xagena2019 )

Hui R et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1670-1680

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro