Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
OncoGinecologia

Gefitinib versus Vinorelbina più Cisplatino come trattamento adiuvante per il cancro polmonare non-a-piccole cellule in stadio II-IIIA / N1-N2 EGFR-mutato


La chemioterapia adiuvante a base di Cisplatino è lo standard di cura per i pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in stadio II-IIIA resecato.
I dati dello studio RADIANT e SELECT suggeriscono che i pazienti con tumore NSCLC EGFR-mutato in stadio IB-IIIA resecato potrebbero trarre beneficio dal trattamento adiuvante con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR.
È stata confrontata l'efficacia di Gefitinib ( Iressa ) adiuvante rispetto a Vinorelbina ( Navelbine ) più Cisplatino in pazienti con tumore NSCLC EGFR-mutato in stadio II-IIIA ( N1-N2 ) completamente resecato.

È stato condotto uno studio randomizzato, in aperto, di fase 3 in 27 Centri in Cina. Sono stati arruolati pazienti di età compresa tra 18 e 75 anni con tumore NSCLC completamente resecato ( R0 ), in stadio II-IIIA ( N1-N2 ), EGFR-mutato ( delezione dell’esone 19 o esone 21 Leu858Arg ).
I pazienti sono stati stratificati per stadio N e stato della mutazione EGFR e randomizzati a Gefitinib ( 250 mg una volta al giorno ) per 24 mesi o Vinorelbina per via endovenosa ( 25 mg/m2 nei giorni 1 e 8 ) più Cisplatino per via endovenosa ( 75 mg/m2 il giorno 1 ) ogni 3 settimane per 4 cicli.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia nella popolazione intention-to-treat, che comprendeva tutti i pazienti randomizzati; la popolazione di sicurezza comprendeva tutti i pazienti randomizzati che hanno ricevuto almeno una dose di farmaco in studio.

Tra il 2011 e il 2014 sono stati sottoposti a screening 483 pazienti e 222 pazienti sono stati randomizzati: 111 a Gefitinib e 111 a Vinorelbina più Cisplatino.

Il follow-up mediano è stato di 36.5 mesi.

La sopravvivenza mediana libera da malattia è risultata significativamente più lunga con Gefitinib ( 28.7 mesi ) rispetto a Vinorelbina più Cisplatino ( 18.0 mesi; hazard ratio, HR=0.60; P=0.0054 ).

Nella popolazione di sicurezza, gli eventi avversi di grado 3 o peggiori riportati più comunemente nel gruppo Gefitinib ( n=106 ) sono stati aumentata alanina aminotransferasi [ ALT ] e asparato aminotransferasi [ AST ] ( 2 pazienti, 2%, per ciascun evento versus nessuno con Vinorelbina più Cisplatino ).

Nel gruppo Vinorelbina più Cisplatino ( n=87 ), il più frequente evento avverso di grado 3 o peggiore è stato neutropenia ( 30 pazienti, 34%, vs nessuno con Gefitinib ), leucopenia ( 14, 16%, vs nessuno ) e vomito ( 8, 9%, vs nessuno ).

Eventi avversi gravi sono stati segnalati in 7 pazienti ( 7% ) che hanno ricevuto Gefitinib e in 20 pazienti ( 23% ) che hanno ricevuto Vinorelbina più Cisplatino.
Non è stata rilevata alcuna malattia polmonare interstiziale con Gefitinib.
Nessun decesso è stato correlato al trattamento.

Gefitinib adiuvante ha portato a una sopravvivenza libera da malattia significativamente più lunga rispetto a quella per Vinorelbina più Cisplatino in pazienti con tumore NSCLC EGFR-mutato in stadio II-IIIA ( N1-N2 ) completamente resecato.
Sulla base della superiore sopravvivenza libera da malattia, della ridotta tossicità e del miglioramento della qualità di vita, Gefitinib adiuvante potrebbe essere una potenziale opzione di trattamento rispetto alla chemioterapia adiuvante in questi pazienti.
Tuttavia, la durata del beneficio con Gefitinib dopo 24 mesi potrebbe essere limitata e i dati generali sulla sopravvivenza non sono ancora maturi. ( Xagena2018 )

Zhong WZ et al, Lancet Oncol 2018; 19: 139-148

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro