Roche Oncologia
Lung Unit
BMS
Novartis

I nuovi dati convalidano l'impiego in ambiente adiuvante di Osimertinib nel tumore al polmone non-a-piccole cellule EGFR-mutato, metastatico


Osimertinib ( Tagrisso ) nel setting adiuvante ha indotto riduzioni clinicamente significative della recidiva e della mortalità della malattia a carico del sistema nervoso centrale ( CNS ) tra i pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con mutazione in EGFR.

Circa il 30% dei pazienti con tumore NSCLC presenta una malattia resecabile alla diagnosi per la quale la chirurgia con intento curativo è il trattamento primario; tuttavia, i tassi di recidiva della malattia dopo intervento chirurgico rimangono elevati in tutte le fasi della malattia, indipendentemente dall'uso della chemioterapia postoperatoria.
Gli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR sono standard di cura per i pazienti con tumore NSCLC EGFR-positivo, metastatico.
Precedenti studi avevano indicato che potrebbe esserci un ruolo per gli inibitori tirosin-chinasici di EGFR nel tumore resecato.

Nello studio di fase 3 ADAURA è stata valutata la sicurezza e l'efficacia di Osimertinib, un inibitore tirosin-chinasico di terza generazione di EGFR, rispetto al placebo per i pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule con EGFR mutato, completamente resecato.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale im un rapporto 1:1 a 80 mg una volta al giorno di Osimertinib ( n = 339; età mediana, 64 anni; 68% donne; 64% asiatici ) oppure a placebo ( n = 343; età media, 62 anni; 72% donne; 64% asiatici ).
Il trattamento è continuato per 3 anni.

La sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) valutata dallo sperimentatore tra i pazienti con malattia in stadio II e in stadio IIIA è servita come endpoint primario.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza DFS nella popolazione generale, la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

Sono stati riportati i dati di una analisi esplorativa prespecificata dei pattern di recidiva della malattia tra tutti i pazienti con malattia da stadio IB a stadio IIIA.
Il follow-up mediano è stato di 22 mesi.

I risultati hanno mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da malattia tra quelli assegnati a Osimertinib ( mediana non-raggiunta versus 27.5 mesi; hazard ratio, HR = 0.2; IC 99.12%, 0.14-0.3 ).
Gli eventi di sopravvivenza DFS si sono verificati nell'11% dei pazienti nel gruppo Osimertinib rispetto al 46% di quelli trattati con placebo.

I pazienti trattati con Osimertinib avevano maggiori probabilità di avere recidive locali o regionali, con solo il 38% dei pazienti in quel gruppo che ha presentato recidive metastatiche rispetto al 61% dei pazienti del gruppo placebo.

Sono stati osservati miglioramenti clinicamente significativi nella sopravvivenza senza malattia del sistema nervoso centrale ( SNC ) con Osimertinib ( mediana, non-raggiunta versus 48.2 mesi; HR = 0-18; IC 95%, 0.1-0.33 ), che corrispondeva a una diminuzione dell'82% del rischio di recidiva o morte da malattia a carico del SNC.
La probabilità condizionata di recidiva a livello del sistema nervoso centrale a 12 mesi è risultata inferiore all'1% con Osimertinib rispetto al 7% con placebo.

Sebbene i dati sulla sopravvivenza globale fossero ancora immaturi al momento del cutoff dei dati, 9 pazienti nel gruppo Osimertinib erano deceduti contro 20 pazienti nel gruppo placebo.

Non sono stati osservati nuovi problemi di sicurezza.

Il ridotto rischio di recidiva locale e distante e il miglioramento della sopravvivenza senza malattia a carico del sistema nervoso centrale in questo studio forniscono elementi a sostegno dell'uso di Osimertinib in ambiente adiuvante come trattamento altamente efficace in grado di cambiare la pratica per i pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule EGFR-mutato, metastatico, stadio IB-IIIA, dopo resezione completa del tumore. ( Xagena2020 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Virtual Congress, 2020

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro