OncoHub
Roche Oncologia
Novartis
Tumore prostata

Idratazione parenterale in pazienti con tumore in fase avanzata


La grande maggioranza dei pazienti con tumore al termine della vita riceve idratazione parenterale in ospedale e nessuna idratazione in ospizio, con evidenze limitate a supporto di una o dell’altra pratica.

Uno studio randomizzato e controllato ha determinato l’effetto della idratazione sui sintomi associati a disidratazione, qualità di vita e sopravvivenza in pazienti con tumori in stadio avanzato.

Nello studio, 129 pazienti oncologici da 6 ospizi sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere idratazione parenterale ( soluzione salina 1 L al giorno ) oppure placebo ( soluzione salina 100 mL al giorno ) giornaliera nel corso di 4 ore.

L’esito primario era il cambiamento nella somma di 4 sintomi di disidratazione ( fatigue, mioclono, sedazione e allucinazioni, 0=migliore 40=peggiore possibile ) tra il giorno 4 e il basale.

Gli esiti secondari includevano le scale Edmonton Symptom Assessment Scale ( ESAS ), Memorial Delirium Assessment Scale ( MDAS ), Nursing Delirium Screening Scale ( NuDESC ), Unified Myoclonus Rating Scale ( UMRS ), Functional Assessment of Chronic Illness Therapy-Fatigue ( FACIT-F ), Dehydration Assessment Scale, oltre a creatinina, urea e sopravvivenza generale.

L’analisi per intention-to-treat è stata condotta per esaminare il cambiamento al giorno 4 ± 2 e al giorno 7 ± 2 tra i gruppi.

I gruppi idratazione ( n=63 ) e placebo ( n=66 ) mostravano caratteristiche basali simili.

Non sono emerse differenze tra i due gruppi per quanto riguarda il cambiamento della somma di 4 sintomi di disidratazione ( -3.3 versus -2.8, P=0.77 ), ESAS ( tutti non-significativi ), MDAS ( 1 vs 3.5, P=0.084 ), NuDESC ( 0 vs 0, P=0.13 ) e UMRS ( 0 vs 0, P=0.54 ) al giorno 4.

I risultati per il giorno 7, incluso il FACIT-F, sono risultati simili.

La sopravvivenza generale non ha mostrato differenze tra i due gruppi ( mediana, 21 vs 15 giorni, P=0.83 ).

In conclusione, l’idratazione a 1 litro al giorno non ha migliorato i sintomi, la qualità di vita o la sopravvivenza rispetto a placebo. ( Xagena2013 )

Bruera E et al, J Clin Oncol 2013; 31: 111-118

Onco2013



Indietro