Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGinecologia
OncoHub

Il mantenimento con Olaparib migliora la sopravvivenza libera da progressione nel tumore al pancreas BRCA+ metastatico


Lo studio da fase 3 POLO ha mostrato che la terapia di mantenimento con Olaparib ( Lynparza ), un inibitore di PARP, ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto al placebo tra i pazienti con carcinoma pancreatico con mutazione nella linea germinale di BRCA, metastatico.

La sopravvivenza mediana senza progressione con Olaparib è stata pari a 7.4 mesi contro i 3.8 mesi del placebo ( hazard ratio, HR=0.53; IC 95%, 0.35-0.82, P=0.0038 ).
Inoltre, dopo 2 anni, il 22.1% dei pazienti non presentava progressione della malattia rispetto al 9.6% di quelli trattati con placebo.

Lo studio randomizzato e controllato con placebo, in doppio cieco, ha valutato l'efficacia di Olaparib come terapia di mantenimento in 154 pazienti con carcinoma al pancreas metastatico e mutazioni nella linea germinale del gene BRCA1 o BRCA2, che non avevano progredito durante chemioterapia di prima linea a base di Platino.

I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 3:2 a ricevere compresse di Olaparib per os al dosaggio di 300 mg due volte al giorno come terapia di mantenimento ( n = 92 ) rispetto al placebo due volte al giorno ( n = 62 ).
La randomizzazione si è verificata entro 6 settimane dall'ultima dose chemioterapica e il trattamento con Olaparib o placebo è iniziato tra la 4.a e l'8.a settimana dell'ultima dose chemioterapica.
Dopo la randomizzazione, i pazienti hanno avuto visite cliniche settimanali per le prime 4 settimane di trattamento, quindi ogni 4 settimane durante il trattamento.

La durata mediana del trattamento è stata di 6 mesi per coloro che assumevano Olaparib e 3.7 mesi per le persone che hanno ricevuto placebo.
Il trattamento è continuato fino a progressione obiettiva della malattia radiologica.
Dopo la progressione, i pazienti sono stati seguiti per la seconda progressione ogni 8 settimane, e quindi per la sopravvivenza fino all'analisi finale.

I pazienti eleggibili erano stati precedentemente trattati per malattia metastatica e non erano progrediti dopo il completamento di almeno 16 settimane di chemioterapia a base di Platino.
Inoltre, i pazienti dovevano avere una mutazione nella linea germinale del gene BRCA deleteria nota o deleteria sospetta.
Sono stati esclusi i pazienti che erano stati in precedenza trattati con un inibitore di PARP.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione mediante revisione centrale indipendente in cieco.
Gli endpoint secondari erano la sopravvivenza globale ( OS ), il tempo dalla randomizzazione alla seconda progressione o morte, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), il tasso di controllo della malattia ( DCR ), la sicurezza e la tollerabilità.

I pazienti nel braccio di trattamento avevano un'età media di 57 anni, il 58% erano maschi e il 71% presentava un ECOG performance status pari a 0.
Due terzi dei pazienti presentavano mutazioni BRCA2 e il resto aveva mutazioni BRCA1.

La sopravvivenza mediana senza progressione era coerente, indipendentemente dalla risposta alla precedente chemioterapia a base di Platino ( HR risposta completa / parziale, 0.62, HR malattia stabile, 0.50 ).

A 6, 12, 18 e 24 mesi, la percentuale di pazienti privi di progressione nel braccio Olaparib è risultata superiore a due volte rispetto al braccio placebo ( PFS a 6 mesi, 53% vs 23% ).

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 23.1% con Olaparib rispetto all'11.5% nel braccio placebo. Due pazienti trattati con Olaparib hanno avuto una risposta completa, entrambi in corso alla chiusura dei dati.
La durata mediana della risposta è stata di 24.9 mesi nel braccio Olaparib rispetto a 3.7 mesi con placebo.

Dopo 1 anno, il 33.7% dei pazienti trattati con Olaparib non ha mostrato segni di progressione della malattia rispetto al 14.5% di quelli che hanno ricevuto placebo.

Una analisi ad interim di sopravvivenza globale ( OS ) al data maturity del 46% non ha mostrato differenze tra i bracci ( OS mediana, 18.9 vs 18.1 mesi; HR=0.91; IC 95%, 0.56-1.46, P = 0.68 ).

Inoltre, i ricercatori non hanno riscontrato differenze significative nella qualità di vita correlata alla salute.

Non ci sono stati nuovi segnali di sicurezza con Olaparib. Eventi avversi di grado 3 o superiore si sono verificati nel 40% dei pazienti nel braccio Olaparib rispetto al 23% di quelli nel braccio placebo ( IC 95%, -0.02% al 31% ).
In totale, il 5.5% e l'1.7% dei pazienti, rispettivamente, hanno interrotto il trattamento a causa di una reazioni avversa. ( Xagena2019 )

Fonte: ASCO ( American Society for Clinical Oncology ) Annual Meeting, 2019

Onco2019 Gastro2019 Farma2019


Indietro