Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore Ovaie

Il trattamento combinato con Figitumumab e Erlotinib non migliora la sopravvivenza nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio avanzato


Figitumumab ( CP-751.871 ) è un anticorpo monoclonale IgG2 interamente umano che inibisce il recettore del fattore di crescita insulino-simile ( IGF-1 ).

Uno studio clinico di fase III, multicentrico e randomizzato, ha valutato l'efficacia della somministrazione combinata di Figitumumab e Erlotinib ( Tarceva ), rispetto a Erlotinib, in monoterapia nel trattamento di pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) precedentemente trattati.

Pazienti con malattia in stadio III o IV o con recidiva di malattia con istologia diversa dall'adenocarcinoma, precedentemente sottoposti ad almeno un ciclo di chemioterapia a base di Platino, sono stati randomizzati a ricevere, in aperto e ogni 3 settimane, Figitumumab ( alla dose di 20 mg/kg ) in associazione a Erlotinib ( alla dose giornaliera di 150 mg ) o monoterapia a base di Erlotinib.

Endpoint primario dello studio era la sopravvivenza globale ( OS ).

Dei 583 pazienti inizialmente randomizzati, 579 hanno ricevuto il trattamento.

Lo studio è stato chiuso anticipatamente da un Comitato di sorveglianza della sicurezza a causa dei risultati che incrociavano il limite di futilità precedentemente specificato.

Nell'analisi finale, la sopravvivenza globale mediana è risultata essere pari a 5.7 mesi nel braccio trattato con Figitumumab in associazione a Erlotinib e a 6.2 mesi nel braccio trattato con solo Erlotinib ( hazard ratio, HR = 1.09; intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 0.91-1.31; P = 0.35 ), mentre la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.1 mesi nel braccio trattato con Figitumumab in associazione a Erlotinib rispetto ai 2.6 mesi nel braccio trattato con solo Erlotinib ( HR = 1.08; IC 95%: 0.90-1.29; P = 0.43 ).

Eventi avversi gravi, ma non fatali, correlati al trattamento si sono verificati nel 18% dei pazienti trattati con la combinazione di Figitumumab ed Erlotinib rispetto al 5% osservato nei pazienti trattati con il solo Erlotinib.
Nel complesso, sono stati osservati 9 decessi correlati al trattamento, di cui 3 relativi a entrambi i farmaci, 4 relativi al solo Erlotinib e 2 relativi a Figitumumab.

In conclusione, i risultati dello studio hanno dimostrato che l'aggiunta di Figitumumab a Erlotinib non migliora la sopravvivenza globale nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, di tipo non-adenocarcinoma, in stadio avanzato e non precedentemente trattato.
A fronte dei deludenti risultati, lo sviluppo clinico di Figitumumab è stato interrotto. ( Xagena2015 )

Scagliotti GV et al, Ann Oncol 2015; 26: 497-504

Onco2015 Pneumo2015 Farma2015


Indietro