Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
ForumOncologico
OncoGeriatria

Inibitori del recettore degli androgeni: Apalutamide ritarda la metastatizzazione di oltre 2 anni nel carcinoma alla prostata resistente alla castrazione


Dai dati dello studio SPARTAN è emerso che Apalutamide ( Erleada ) ha ridotto il rischio di metastasi o di mortalità del 72% nei pazienti con carcinoma prostatico non-metastatico resistente alla castrazione ( mCRPC ).

La sopravvivenza mediana libera da metastasi ( MFS ) è stata di 40.5 mesi nel braccio Apalutamide rispetto a 16.2 mesi nel braccio placebo ( hazard ratio, HR=0.28, IC 95%, 0.23-0.35, P inferiore a 0.0001 ).

Apalutamide è un inibitore competitivo di nuova generazione del recettore degli androgeni per il trattamento dei pazienti con carcinoma della prostata.
Il farmaco impedisce il legame degli androgeni al recettore degli androgeni e la traslocazione del recettore degli androgeni al nucleo e impedisce la trascrizione del DNA mediata dal recettore degli androgeni.

Lo studio di fase III, SPARTAN, ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Apalutamide rispetto a placebo in 1207 pazienti con tumore alla prostata resistente alla castrazione non-metastatico e con un livello di antigene prostatico specifico ( PSA ) in rapido aumento nonostante terapia di deprivazione androgenica.
Lo stato non-metastatico è stato determinato mediante una scintigrafia ossea negativa, così come una tomografia computerizzata negativa del bacino, dell'addome, del torace e del cervello.

I pazienti dovevano avere un tempo di raddoppiamento del PSA di 10 mesi o meno, dal momento che dati precedenti avevano dimostrato che questi sono i pazienti più a rischio per lo sviluppo di metastasi e di decesso.

I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 2: 1 a 240 mg di Apalutamide al giorno ( n=806 ) o a placebo ( n=401 ).
Il tempo medio di raddoppio del PSA al basale è stato inferiore a 5 mesi in entrambi i bracci.
I pazienti che hanno sviluppato metastasi sono stati autorizzati a ricevere Abiraterone acetato più Prednisone.

Oltre l'endpoint primario di sopravvivenza libera da metastasi, gli endpoint secondari includevano il tempo alla metastasi, la sopravvivenza libera da progressione, il tempo alla progressione sintomatica e la sopravvivenza globale ( OS ).
Per i pazienti che avevano sviluppato metastasi, è stato anche valutato il tempo tra la randomizzazione e il primo trattamento per il tumore metastatico e la successiva progressione ( PFS2 ).

A un follow-up mediano di 20.3 mesi, il 61% del braccio Apalutamide è rimasto in trattamento rispetto al 30% del gruppo placebo.
Una analisi provvisoria del sistema operativo ( 24% degli eventi ) ha rivelato una tendenza che favorisce Apalutamide.

Gli eventi avversi hanno portato all'interruzione del 10.7% e del 6.3%, rispettivamente, dei pazienti nei bracci Apalutamide e controllo.
Nessuno dei due gruppi ha presentato una riduzione dei punteggi medi della qualità di vita al basale al progredire dello studio, e non c'è stata differenza nel tempo dei punteggi tra i gruppi.

L'80% dei pazienti trattati con placebo con progressione della malattia e il 56% dei pazienti che hanno ricevuto Apalutamide sono stati trattati per carcinoma della prostata resistente alla castrazione metastatico.
La sopravvivenza PFS2 è risultata più lunga per i pazienti che erano inizialmente randomizzati ad Apalutamide.

Esiste una popolazione di uomini con cancro alla prostata che non hanno evidenze di diffusione della malattia, ma che presentano aumento dei valori ematici dei marcatori.
Questi pazienti possono avere una prognosi sfavorevole.
I dati dello studio SPARTAN indicano che Apalutamide potrebbe rappresentare un trattamento ottimale per questi pazienti. ( Xagena2018 )

Fonte: Genitourinary Cancers Symposium, 2018

Uro2018 Onco2018 Farma2018


Indietro