Novartis
Oncologia Morabito
OncoHub
Janssen Oncology

Iressa non aumenta la sopravvivenza generale nei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule in fase avanzata ( 2010 )


I dati dello studio IPASS non hanno mostrato nessuna differenza significativa tra Iressa ( Gefitinib ) e la chemioterapia a base di Carboplatino e Paclitaxel riguardo alla sopravvivenza generale nella popolazione generale ( 18.8 contro 17.4 mesi; hazard ratio, HR=0.90; p=0.11 ).
La significatività statistica non è stata riscontrata neppure tra i bracci di trattamento nei sottogruppi definiti dallo status di mutazione nel gene codificante per EGFR.
I pazienti con positività per la mutazione EGFR hanno presentato una sopravvivenza generale mediana di 21.6 mesi con Gefitinib versus 21.9 mesi con chemioterapia ( HR=1 ).
I pazienti con negatività per la mutazione EGFR hanno presentato una sopravvivenza generale di 11.2 mesi con Gefitinib e di 12.7 mesi con chemioterapia ( HR=1.18 ).

I dati dello studio IPASS hanno confermato che i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, positivo per la mutazione EGFR, presentano un miglior esito clinico, indipendentemente dal trattamento ricevuto, rispetto ai pazienti con tumore negativo per la mutazione EGFR.
La sopravvivenza mediana è stata di circa 22 mesi per i pazienti con presenza di mutazione EGFR, ma solo di 11-12 mesi per quelli con assenza di mutazione EGFR.

L’analisi dell’endpoint primario dello studio IPASS nel 2008 aveva dimostrato che il trattamento con Gefitinib era superiore a quello chemioterapico in termini di sopravvivenza senza progressione della malattia nella popolazione generale ( HR=0.74; p minore di 0.001 ).
Un’ulteriore analisi dei dati aveva mostrato che la superiorità di Gefitinib nella sopravvivenza libera da progressione nella popolazione generale era dovuto all’effetto nel sottogruppo dei pazienti con positività per la mutazione EGFR; in questi pazienti, Gefitinib aveva ridotto il rischio di progressione del 52% rispetto ai pazienti trattati con Carboplatino e Paclitaxel ( HR=0.48; p minore di 0.001 ), e la sopravvivenza mediana libera da progressione era aumentata da 6.3 a 9.5 mesi.
Inoltre, Iressa aveva fornito benefici riguardo alla qualità di vita e aveva migliorato la sintomatologia rispetto al trattamento chemioterapico nei pazienti con tumore positivo per la mutazione di EGFR.

Lo studio IPASS è uno studio di fase III, randomizzato, a gruppi paralleli che ha valutato l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di Gefitinib rispetto alla chemioterapia standard, Carboplatino e Paclitaxel, come trattamento di prima linea in una popolazione selezionata di 1217 pazienti residenti in Asia.
I pazienti affetti da carcinoma del polmone non-a-piccole cellule in fase avanzata, non avevano ricevuto un precedente trattamento chemioterapico per la malattia avanzata.
All’esame istologico tutti i tumori erano adenocarcinomi.
I pazienti non avevano mai fumato o erano stati deboli fumatori ( cessazione dell’abitudine al fumo almeno 15 anni prima e un’esposizione a 10 pacchetti di sigarette o meno all’anno ).
L’endpoint primario dello studio era la sopravvivenza senza progressione della malattia, mentre gli endpoint secondari erano rappresentati da: sopravvivenza generale, tasso di risposta obiettiva, qualità di vita e sicurezza.

In Europa, Iressa è stato approvato nel trattamento dei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico, con mutazione attivante EGFR-TK. ( Xagena2010 )

Fonte ESMO Meeting, 2010



Farma2010 Onco2010 Pneumo2010




Indietro