Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumore rene

Lazertinib nei pazienti con tumore polmonare avanzato non-a-piccole cellule positivo alla mutazione EGFR


I pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) EGFR-mutato trattati con inibitori della tirosin-chinasi ( TKI ) di EGFR diventano inevitabilmente resistenti ai farmaci di prima o seconda generazione.

Sono state valutate la sicurezza, la tollerabilità, la farmacocinetica e l'attività di Lazertinib, un TKI EGFR irreversibile, di terza generazione, selettivo per la mutazione, in pazienti con tumore NSCLC avanzato progrediti dopo la terapia con TKI EGFR.

È stato condotto uno studio di fase 1-2 per la prima volta nell'uomo, in aperto, multicentrico, in tre parti: aumento della dose, espansione della dose ed estensione della dose.

Sono stati riportati i risultati dell'escalation della dose e dell'espansione della dose.

Lo studio è stato condotto in 14 ospedali in Corea. I pazienti eleggibili avevano un'età pari o superiore a 20 anni e presentavano un tumore NSCLC avanzato con mutazione EGFR attivante e progressione dopo trattamento con TKI EGFR di prima o seconda generazione, uno stato di mutazione T790M, un ECOG performance status di 0-1, almeno una lesione extracranica misurabile, definita in base ai criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1 e adeguata funzione d'organo.

I pazienti sono stati arruolati in sette coorti di aumento della dose. Ai pazienti è stato somministrato Lazertinib per via orale 20 mg, 40 mg, 80 mg, 120 mg, 160 mg, 240 mg o 320 mg una volta al giorno in modo continuo in cicli di 21 giorni.

Gli endpoint primari erano la sicurezza e la tollerabilità e gli endpoint secondari includevano la risposta obiettiva nei pazienti valutabili.

Tra il 2017 e il 2018, 127 pazienti sono stati arruolati nel gruppo di aumento della dose ( n=38 ) e nel gruppo di espansione della dose ( n=89 ).

Non si sono verificate tossicità dose-limitanti. Non vi è stato alcun aumento dose-dipendente di eventi avversi.
Gli eventi avversi più comunemente riportati sono stati rash o acne di grado 1-2 ( in 38 pazienti su 127, 30% ) e prurito ( in 34, 27% ).

Eventi avversi di grado 3 o 4 si sono verificati in 20 pazienti (16%), e il più comune è stata la polmonite di grado 3 ( 4, 3% ).
Eventi avversi di grado 3 o 4 correlati al trattamento si sono verificati in 4 ( 3% ) pazienti; eventi avversi gravi correlati al trattamento sono stati riportati in 6 pazienti ( 5% ).
Non ci sono stati eventi avversi con esito di morte e nessun decesso correlato al trattamento. La percentuale di pazienti che hanno ottenuto una risposta obiettiva mediante una valutazione di revisione centrale indipendente è stata di 69 su 127 ( 54% ).

Lazertinib ha presentato un profilo di sicurezza tollerabile e ha mostrato una promettente attività clinica nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule che progrediscono durante o dopo la terapia con inibitori tirosin-chinasici di EGFR. ( Xagena2019 )

Ahn MJ et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1681-1690

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro