Novartis
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub

Lenvatinib più Pembrolizumab nei pazienti con carcinoma renale metastatico naive al trattamento o precedentemente trattato: studio 111/KEYNOTE-146


Nonostante i progressi nel trattamento di prima linea del carcinoma a cellule renali metastatico ( RCC ), esiste una necessità insoddisfatta di opzioni per affrontare la progressione della malattia durante o dopo il trattamento con inibitori del checkpoint immunitario ( ICI ).
Pembrolizumab ( Keytruda ) e Lenvatinib ( Lenvima ) sono attivi come monoterapie nel tumore a cellule renali; quindi, sono state valutate la combinazioni di Lenvatinib più Pembrolizumab in questi pazienti.

Sono stati riportati i risultati della coorte di carcinoma a cellule renali metastatico da uno studio di fase 1b/2 in aperto di Lenvatinib più Pembrolizumab in pazienti di almeno 18 anni di età con tumori solidi selezionati e un ECOG performance status di 0-1.

Lenvatinib orale a 20 mg è stato somministrato una volta al giorno insieme a Pembrolizumab per via endovenosa a 200 mg una volta ogni 3 settimane.
I pazienti sono rimasti in trattamento con il farmaco in studio fino a progressione della malattia, sviluppo di tossicità inaccettabile o revoca del consenso.

L'efficacia è stata analizzata nei pazienti con carcinoma renale metastatico a cellule chiare che ricevevano il farmaco in studio in base al precedente gruppo terapeutico: naive al trattamento, naive agli inibitori del checkpoint immunitario precedentemente trattato ( con almeno una linea di terapia ma non con un inibitore del checkpoint anti-PD-1 o anti-PD-L1 ) e pretrattato con inibitore del checkpoint immunitario ( cioè, pazienti anti-PD-1 o anti-PD-L1 ).
La sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti arruolati e trattati.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) alla settimana 24 per i criteri di valutazione della risposta immunitaria nei tumori solidi ( irRECIST ) secondo la valutazione dello sperimentatore.

Tra il 2015 e il 2019, sono stati arruolati nello studio 145 pazienti. 2 pazienti avevano un tumore renale non-a-cellule chiare e sono stati esclusi dall'analisi di efficacia ( uno nel gruppo naive al trattamento e uno nel gruppo pretrattato con inibitore del checkpoint immunitario ); quindi, la popolazione valutata per l'efficacia comprendeva 143 pazienti ( n=22 nel gruppo naive al trattamento, n=17 nel gruppo ICI-naive precedentemente trattato e n=104 nel gruppo pretrattato con ICI ).

Tutti e 145 i pazienti arruolati sono stati inclusi nell'analisi di sicurezza. Il follow-up mediano è stato di 19.8 mesi.

Il numero di pazienti con una risposta obiettiva alla settimana 24 secondo irRECIST è stato pari a 16 su 22 pazienti ( 72.7% ) naive al trattamento, 7 su 17 pazienti ( 41.2% ) ICI-naive precedentemente trattati e 58 su 104 pazienti ( 55.8% ) pretrattati con ICI.

Dei 145 pazienti, 82 ( 57% ) hanno manifestato eventi avversi di grado 3 correlati al trattamento e 10 ( 7% ) hanno presentato eventi avversi di grado 4 correlati al trattamento.
L'evento avverso correlato al trattamento di grado 3 più comune è stato l'ipertensione ( 30 su 145 pazienti, 21% ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 36 pazienti ( 25% ) e si sono verificati 3 decessi correlati al trattamento ( emorragia del tratto gastrointestinale superiore, morte improvvisa e polmonite ).

La combinazione Lenvatinib più Pembrolizumab ha mostrato un'attività antitumorale incoraggiante e un profilo di sicurezza gestibile e potrebbe rappresentare un'opzione per il trattamento post-ICI del carcinoma a cellule renali metastatico. ( Xagena2021 )

Lee CH et al, Lancet Oncology 2021; 22: 946-958

Onco2021 Nefro2021 Uro2021 Farma2021


Indietro