Lung Unit
Tumore Uroteliale
Melanome
Tumore prostata

Lenvatinib più Pembrolizumab nel tumore endometriale avanzato


Lenvatinib (Lenvima ) è un inibitore multikinasi di VEGFR1, VEGFR2 e VEGFR3 e altre tirosin-chinasi del recettore.
Pembrolizumab ( Keytruda ), un anticorpo che ha come bersaglio PD-1, ha un'efficacia moderata nel tumore dell'endometrio non-selezionato da biomarker.

È stata valutata la combinazione di Lenvatinib più Pembrolizumab nei pazienti con carcinoma endometriale avanzato, dopo aver stabilito la dose massima tollerata in uno studio di fase 1b.

In questo studio in aperto, a braccio singolo, di fase 2, condotto in 11 Centri negli Stati Uniti, le pazienti eleggibili avevano un'età di 18 anni o più e avevano un tumore dell'endometrio metastatico ( non-selezionato per instabilità dei microsatelliti o PD-L1 ), avevano un ECOG di 0 o 1, avevano ricevuto non più di due precedenti terapie sistemiche, avevano una malattia misurabile in base ai criteri RECIST immuno-correlati nei tumori solidi ( irRECIST ) e avevano un'aspettativa di vita di 12 settimane o più.

Le pazienti hanno ricevuto 20 mg di Lenvatinib per via orale al giorno più 200 mg di Pembrolizumab per via endovenosa ogni 3 settimane.
Il trattamento è proseguito fino alla progressione della malattia, allo sviluppo di effetti tossici inaccettabili o al ritiro del consenso.

L'endpoint primario di questa analisi ad interim era la percentuale di pazienti con una risposta obiettiva alla settimana 24, valutata secondo criteri irRECIST nella popolazione per-protocollo.

Tra il 2015 e il 2017, 53 pazienti sono stati inclusi nell'analisi.

Alla data limite per i dati sull'attività antitumorale, il follow-up mediano dello studio era di 13.3 mesi. 21 ( 39.6% ) hanno avuto una risposta obiettiva alla settimana 24.

Gravi eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati in 16 pazienti ( 30% ) ed è stata segnalata una morte correlata al trattamento ( emorragia intracranica ).
Gli eventi avversi correlati al trattamento di qualsiasi grado più frequentemente riportati sono stati ipertensione ( 31, 58% ), affaticamento ( 29, 55% ), diarrea ( 27, 51% ) e ipotiroidismo ( 25, 47% ).
Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 più comuni sono stati ipertensione ( 18, 34% ) e diarrea ( 4, 8% ).
Non sono stati segnalati eventi avversi correlati al trattamento di grado 4.

5 pazienti ( 9% ) hanno interrotto il trattamento di studio a causa di eventi avversi correlati al trattamento.

Lenvatinib più Pembrolizumab ha mostrato attività antitumorale nei pazienti con tumore endometriale recidivante avanzato con un profilo di sicurezza simile a quelli precedentemente riportati per le monoterapie con Lenvatinib e Pembrolizumab, a parte una maggiore frequenza di ipotiroidismo.
Lenvatinib più Pembrolizumab potrebbe rappresentare una nuova potenziale opzione di trattamento in questa popolazione di pazienti ed è oggetto di valutazione in uno studio randomizzato di fase 3. ( Xagena2019 )

Makker V et al, Lancet Oncology 2019; 20: 711-718

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro