Roche Oncologia
Novartis
OncoHub
Oncologia Morabito

Lenvatinib più Pembrolizumab o Everolimus per il carcinoma a cellule renali avanzato


Lenvatinib ( Lenvima ) in combinazione con Pembrolizumab ( Keytruda ) o Everolimus ( Afinitor ) ha attività contro il carcinoma a cellule renali avanzato.
L'efficacia di questi regimi rispetto a quella di Sunitinib ( Sutent ) non è ben definita.

In uno studio di fase 3, sono stati assegnati in modo casuale pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato e nessuna precedente terapia sistemica a ricevere Lenvatinib 20 mg per via orale una volta al giorno più Pembrolizumab 200 mg per via endovenosa una volta ogni 3 settimane, Lenvatinib 18 mg per via orale una volta al giorno più Everolimus 5 mg per via orale una volta al giorno o Sunitinib 50 mg per via orale una volta al giorno, alternando 4 settimane di trattamento e 2 settimane senza trattamento.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), valutata da un Comitato di revisione indipendente in conformità con i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1.
Sono state valutate anche la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

In totale 1.069 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Lenvatinib più Pembrolizumab ( 355 pazienti ), Lenvatinib più Everolimus ( 357 ) o Sunitinib ( 357 ).

La sopravvivenza libera da progressione è stata più lunga con Lenvatinib più Pembrolizumab che con Sunitinib ( mediana, 23.9 vs 9.2 mesi; hazard ratio per progressione della malattia o morte, HR=0.39; P minore di 0.001 ) ed è stata più lunga con Lenvatinib più Everolimus che con Sunitinib ( mediana, 14.7 vs 9.2 mesi; HR=0.65; P minore di 0.001 ).

La sopravvivenza globale è stata più lunga con Lenvatinib più Pembrolizumab che con Sunitinib ( hazard ratio per la morte, HR=0.66; P=0.005 ) ma non è stata più lunga con Lenvatinib più Everolimus che con Sunitinib ( HR=1.15; P=0.30 ).

Sono emersi o peggiorati durante il trattamento eventi avversi di grado 3 o superiore nell'82.4% dei pazienti che hanno ricevuto Lenvatinib più Pembrolizumab, nell'83.1% di quelli che hanno ricevuto Lenvatinib più Everolimus e nel 71.8% di quelli che hanno ricevuto Sunitinib.

Gli eventi avversi di grado 3 o superiore verificatisi in almeno il 10% dei pazienti in qualsiasi gruppo hanno incluso ipertensione, diarrea e livelli elevati di lipasi.

Lenvatinib più Pembrolizumab è stato associato a una sopravvivenza libera da progressione e a una sopravvivenza globale significativamente più lunghe rispetto a Sunitinib. ( Xagena2021 )

Motzer R et al, N Engl J Med 2021; 384: 1289-1300

Nefro2021 Uro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro