BMS
Roche Oncologia
Lung Unit
Novartis

Nab-Paclitaxel in associazione a Gemcitabina nel trattamento del cancro del pancreas in fase avanzata


L'FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Nab-Paclitaxel ( Abraxane ) e Gemcitabina ( Gemzar ) come trattamento di prima linea per i pazienti con adenocarcinoma metastatico del pancreas.

L' approvazione è basata sui risultati dello studio IMPACT, che ha dimostrato che il trattamento settimanale con Nab-Paclitaxel ( nanoparticelle di Paclitaxel legate ad albumina [ nab ] ), in combinazione con Gemcitabina, ha migliorato in modo significativo sia la sopravvivenza globale sia la sopravvivenza libera da progressione, rispetto alla sola Gemcitabina.

Lo studio di fase III IMPACT ha arruolato 861 pazienti che non avevano ricevuto una precedente chemioterapia per il carcinoma pancreatico metastatico con istotipo adenocarcinoma, che rappresenta il 95% di tutti i tumori del pancreas.

Nello studio, i pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere ogni settimana per via endovenosa Nab-Paclitaxel al dosaggio di 125 mg/m2 più 1.000 mg/m2 di Gemcitabina per 3 settimane, seguite da 1 settimana di riposo ( n=431 ) oppure 1000 mg/m2 di Gemcitabina settimanale per 7 settimane con 1 settimana di riposo ( n=430 ).

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza globale.

Il braccio Nab-Paclitaxel ha dimostrato una sopravvivenza globale significativamente superiore rispetto alla Gemcitabina in monoterapia ( 8.5 mesi rispetto a 6.7 mesi, hazard ratio, HR=0.72, p inferiore a 0.0001 ).
Inoltre, lo studio ha trovato un vantaggio di sopravvivenza libera da progressione per la combinazione con Nab-Paclitaxel di 5.5 mesi versus 3.7 mesi ( HR=0.69, p inferiore a 0.0001 ).
L'associazione Nab-Paclitaxel e Gemcitabina ha anche prodotto un tasso di risposta globale superiore ( 23% vs 7% con la sola Gemcitabina; P inferiore a 0.0001 ).

Inoltre, per i pazienti che hanno continuato a ricevere le successive terapie di seconda linea ( 38% nel braccio Nab-Paclitaxel, 42% nel braccio controllo ), la sopravvivenza globale mediana è stata pari a 9.4 mesi versus 6.8 mesi, rispettivamente, per il braccio combinazione e il braccio controllo ( HR=0.68, p=0.00072 ).

Le caratteristiche basali dei pazienti erano ben bilanciate tra i due bracci. L'età mediana era di 63 anni e il 43% dei pazienti aveva lesioni alla testa del pancreas.
Inoltre, il 52% dei pazienti presentava livelli di CA19-9 più alti rispetto al normale, indicando una prognosi peggiore.
Tuttavia, i pazienti con fattori prognostici meno-favorevoli avevano esiti migliori con la combinazione rispetto alla monoterapia.

Secondo una sottoanalisi presentata al 2013 ASCO Meeting, le metastasi epatiche e il performance status di Karnofsky ( KPS ) inferiore ad 80 hanno predetto il maggior vantaggio della combinazione rispetto alla sola Gemcitabina.
Per i pazienti con un KPS di 70-80, rispetto a quelli con un valore di 90-100, l' hazard ratio è stato pari a 1.60 ( p inferiore a 0.0001) a favore del braccio Nab-Paclitaxel.
Per i pazienti con metastasi epatiche rispetto a quelli senza, l' HR è stato pari a 1.81 ( p inferiore a 0.0001 ).

Le reazioni avverse più comuni con la combinazione con Nab-Paclitaxel sono state: neutropenia, affaticamento, neuropatia periferica, e nausea.
Non è stato riscontrato nessun aumento della tossicità letale aggiungendo Nab-Paclitaxel alla Gemcitabina.

I pazienti affetti da carcinoma del pancreas ricevono spesso diagnosi dopo che il tumore è avanzato, e non può essere rimosso chirurgicamente. In questa situazione, e in situazioni in cui il tumore progredisce dopo intervento chirurgico, le opzioni come Abraxane possono aiutare a prolungare la vita del paziente.

Questa è la terza indicazione per Nab-Paclitaxel, che è stato approvato nel 2005 per il trattamento del carcinoma mammario metastatico dopo fallimento della chemioterapia di combinazione.
Nel 2012 Nab-Paclitaxel ha ricevuto l'approvazione per il trattamento dei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico, non-sottoposti a terapia, non-candidati per la chirurgia o la radioterapia. ( Xagena2013 )

Fonte: FDA, 2013

Onco2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro