Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Tumore prostata

Nivolumab e Nivolumab / Ipilimumab di salvataggio nei pazienti naive-al-trattamento con carcinoma renale a cellule chiare in fase avanzata: studio HCRN GU16-260-Coorte A


È stato determinato il valore dell'espressione di PD-L1 come biomarcatore predittivo dell'efficacia della monoterapia con Nivolumab ( Opdivo ) nei pazienti naive-al-trattamento con carcinoma renale a cellule chiare ( ccRCC ) e l'efficacia della terapia di salvataggio di Nivolumab [ Opdivo ] / Ipilimumab [ Yervoy ] nei pazienti con tumori che non-rispondono alla monoterapia con Nivolumab.

I pazienti idonei con tumore ccRCC naive-al-trattamento hanno ricevuto Nivolumab fino alla progressione della malattia, alla tossicità o al completamento di 96 settimane di trattamento ( parte A ).

I pazienti con progressione della malattia prima o con malattia stabile a 48 settimane potevano ricevere terapia di salvataggio a base di Nivolumab / Ipilimumab ( parte B ).
L'endpoint primario era il miglioramento della sopravvivenza libera da progressione a 1 anno nei pazienti con espressione di PD-L1 tumorale superiore al 20% rispetto allo 0%.

Sono stati arruolati 123 pazienti.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 34.1%. Secondo la categoria International Metastatic RCC Database Consortium, il tasso ORR era di rischio favorevole 57.1%, rischio intermedio / rischio alto 25.0%, e per caratteristiche sarcomatoidi 36.4%.

Il tasso ORR è stato pari a 26.9%, 50.0% e 75.0% per i pazienti con espressione di PD-L1 tumorale rispettivamente di 0, 1-20 o superiore al 20% ( P trend test=0.002 ).

La durata mediana della risposta ( DoR ) è stata di 27.6 mesi, con 26 su 42 responder di cui 17 su 20 con malattia a rischio favorevole che sono rimasti liberi da progressione.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 1 anno è stata rispettivamente del 34.6% e del 75.0% nelle categorie PD-L1=0% e superiore al 20% ( P=0.050 ).

97 pazienti con progressione della malattia o malattia stabile prolungata erano potenzialmente eleggibili per la parte B e 35 sono stati arruolati.
Il tasso di risposta globale per la parte B è stato dell'11.4%.

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o superiore si sono verificati nel 35% dei pazienti in trattamento con Nivolumab e nel 43% di quelli in trattamento con Nivolumab / Ipilimumab di salvataggio.

Nivolumab in monoterapia è attivo nel tumore a cellule renali naive-al-trattamento.
Sebbene l'efficacia sembri essere inferiore a quella dell'associazione Nivolumab / Ipilimumab nei pazienti con malattia a rischio intermedio / scarso, i pazienti a rischio favorevole hanno presentato un notevole beneficio.
L'efficacia è stata correlata allo stato di PD-L1 tumorale.
La terapia di salvataggio con Nivolumab / Ipilimumab spesso non è stata fattibile, ed è stata di beneficio limitato. ( Xagena2022 )

Atkins MB et al, J Clin Oncol 2022; 40: 2913-2923

Onco2022 Nefro2022 Uro2022 Farma2022



Indietro