Bayer Banner
Natera Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Nivolumab più Cabozantinib con o senza Ipilimumab per il carcinoma epatocellulare avanzato: coorte 6 dello studio CheckMate 040


Sono state studiate la sicurezza e l'efficacia di Nivolumab ( Opdivo ) più Cabozantinib ( Cabometyx ) con o senza Ipilimumab ( Yervoy ) nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato.

Nella coorte 6 dello studio multicoorte, in aperto, di fase I/II CheckMate 040, i pazienti che erano naive al trattamento, intolleranti a Sorafenib o avevano avuto progressione con Sorafenib sono stati assegnati in modo casuale a Nivolumab 240 mg una volta ogni 2 settimane più Cabozantinib 40 mg una volta al giorno ( braccio doppietto ); oppure Nivolumab 3 mg/kg ogni 2 settimane più Cabozantinib 40 mg una volta al giorno con Ipilimumab 1 mg/kg una volta ogni 6 settimane ( braccio tripletto ).

Gli obiettivi primari erano la sicurezza e la tollerabilità, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e la durata della risposta ( DoR ) secondo la valutazione dello sperimentatore in base ai criteri RECIST versione 1.1.
Gli obiettivi secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) ( mediante revisione centrale indipendente in cieco ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

Sono stati assegnati in modo casuale 71 pazienti: 36 al braccio doppietto e 35 al braccio tripletto.

Dopo un follow-up mediano di 32.0 mesi, il tasso di risposta obiettiva è stato pari a 17% e del 29% rispettivamente nei bracci doppietto e tripletto.

La durata mediana della risposta è stata di 8.3 mesi nel braccio doppietto e non-raggiunta nel braccio tripletto.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 5.1 e 4.3 mesi e la sopravvivenza globale mediana è stata di 20.2 e 22.1 mesi, rispettivamente per i bracci doppietto e tripletto.

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4 si sono verificati nel 50% e nel 74% dei pazienti, e gli eventi avversi correlati al trattamento che hanno portato all'interruzione sono stati segnalati rispettivamente nell'11% e nel 23% dei pazienti nei bracci doppietto e tripletto.

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento in nessuno dei due bracci.

La combinazione Nivolumab più Cabozantinib con o senza Ipilimumab ha mostrato un'attività antitumorale preliminare incoraggiante e ha avuto profili di sicurezza coerenti con quelli stabiliti per i singoli farmaci nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato. ( Xagena2023 )

Yau T et al, J Clin Oncol 2023; 41: 1747-1757

Gastro2023 Onco2023 Farma2023



Indietro