Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Tumore prostata

Nivolumab più Cabozantinib rispetto a Sunitinib nel trattamento di prima linea per il carcinoma a cellule renali avanzato: studio CheckMate 9ER


Nell'analisi primaria di CheckMate 9ER, Nivolumab ( Opdivo ) più Cabozantinib ( Cabometyx ) ha mostrato una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), una sopravvivenza globale e ( OS ) una risposta obiettiva superiori rispetto a Sunitinib ( Sutent ) nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato non-trattato in precedenza ( follow-up mediano di 18.1 mesi ).

E' stato riportato il follow-up esteso della sopravvivenza globale e l'efficacia e la sicurezza aggiornate.

È stato condotto uno studio di fase 3 randomizzato in aperto in 125 ospedali e centri oncologici in 18 Paesi.
Sono stati inclusi pazienti di età pari o superiore a 18 anni con carcinoma a cellule renali avanzato o metastatico precedentemente non-trattato, un performance status di Karnofsky del 70% o superiore, malattia misurabile secondo i criteri RECIST versione 1.1 valutata dallo sperimentatore, qualsiasi categoria di rischio prognostico IMDC ( International Metastatic Renal Cell Carcinoma Database Consortium ) e tessuto tumorale disponibile per il test PD-L1.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Nivolumab 240 mg per via endovenosa ogni 2 settimane più Cabozantinib 40 mg per via orale una volta al giorno o Sunitinib 50 mg per via orale una volta al giorno ( 4 settimane per ciclo di 6 settimane ).

La randomizzazione è stata stratificata per stato di rischio IMDC, espressione di PD-L1 del tumore e regione geografica.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione mediante revisione centrale indipendente in cieco.
La sopravvivenza globale era un endpoint secondario ( riportato come analisi finale pianificata secondo il protocollo ).

L'efficacia è stata valutata in tutti i pazienti assegnati in modo casuale; la sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di qualsiasi farmaco in studio.

Tra il 2017 e il 2019, 323 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Nivolumab più Cabozantinib e 328 al gruppo Sunitinib.

Con un follow-up esteso ( cutoff dei dati nel giugno 2021; mediana 32.9 mesi ), la sopravvivenza globale mediana è stata di 37.7 mesi nel gruppo Nivolumab più Cabozantinib e 34.3 mesi nel gruppo Sunitinib ( hazard ratio, HR=0.70, P=0.0043 ) e la sopravvivenza libera da progressione mediana aggiornata è stata di 16.6 mesi versus 8.3 mesi ( HR=0.56, P minore di 0.0001 ).

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4 si sono verificati in 208 pazienti su 320 ( 65% ) trattati con Nivolumab più Cabozantinib rispetto a 172 su 320 ( 54% ) con Sunitinib.
Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4 più comuni sono stati: ipertensione ( 40 [ 13% ] su 320 pazienti nel gruppo Nivolumab più Cabozantinib vs 39 [ 12% ] su 320 nel gruppo Sunitinib ), eritrodisestesia palmo-plantare ( 25 [ 8% ] vs 26 [ 8% ] ) e diarrea ( 22 [ 7% ] vs 15 [ 5% ] ).
Gli eventi avversi gravi correlati al trattamento di grado 3-4 si sono verificati in 70 su 320 pazienti ( 22% ) nel gruppo Nivolumab più Cabozantinib e in 31 su 320 ( 10% ) nel gruppo Sunitinib.
Un ulteriore decesso correlato al trattamento si è verificato con Sunitinib ( morte improvvisa ).

Con un follow-up esteso e un'analisi di sopravvivenza globale pre-pianificata per protocollo, Nivolumab più Cabozantinib ha dimostrato una migliore efficacia rispetto a Sunitinib, supportando ulteriormente la combinazione nel trattamento di prima linea del carcinoma a cellule renali in fase avanzata. ( Xagena2022 )

Motzer RJ et al, Lancet Oncology 2022; 23: 888-898

Nefro2022 Uro2022 Onco2022 Farma2022


Indietro