OncoHub
Novartis
Oncologia Morabito
Roche Oncologia

Nivolumab più Cabozantinib rispetto a Sunitinib per il carcinoma a cellule renali avanzato


L'efficacia e la sicurezza di Nivolumab ( Opdivo ) più Cabozantinib ( Cabometyx ) rispetto a quelle di Sunitinib ( Sutent ) nel trattamento del carcinoma a cellule renali avanzato non-trattato in precedenza non sono note.

In uno studio di fase 3, randomizzato, in aperto, sono stati assegnati in modo casuale adulti con carcinoma a cellule renali avanzato, a cellule chiare, non precedentemente trattato a ricevere Nivolumab ( 240 mg ogni 2 settimane ) più Cabozantinib ( 40 mg una volta al giorno ) o Sunitinib ( 50 mg una volta al giorno per 4 settimane di ogni ciclo di 6 settimane ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), determinata da una revisione centrale indipendente in cieco.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza globale ( OS ), il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) determinata da una revisione indipendente, e la sicurezza.
La qualità di vita correlata alla salute era un endpoint esplorativo.

Complessivamente, 651 pazienti sono stati assegnati a ricevere Nivolumab più Cabozantinib ( 323 pazienti ) o Sunitinib ( 328 pazienti ).

A un follow-up mediano di 18.1 mesi per la sopravvivenza globale, la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 16.6 mesi con Nivolumab più Cabozantinib e di 8.3 mesi con Sunitinib ( hazard ratio per la progressione della malattia o la mortalità, HR=0.51; P minore di 0.001 ).

La probabilità di sopravvivenza globale a 12 mesi è stata dell'85.7% con Nivolumab più Cabozantinib e del 75.6% con Sunitinib ( hazard ratio per la morte, HR=0.60; P=0.001 ).

Una risposta obiettiva si è verificata nel 55.7% dei pazienti trattati con Nivolumab più Cabozantinib e nel 27.1% di quelli trattati con Sunitinib ( P minore di 0.001 ).

I benefici di efficacia con Nivolumab più Cabozantinib sono stati costanti tra i sottogruppi.

Eventi avversi di qualsiasi causa di grado 3 o superiore si sono verificati nel 75.3% dei 320 pazienti trattati con Nivolumab più Cabozantinib e nel 70.6% dei 320 pazienti trattati con Sunitinib.

Complessivamente, il 19.7% dei pazienti nel gruppo di combinazione ha interrotto almeno uno dei farmaci sperimentali a causa di eventi avversi e il 5.6% ha interrotto entrambi.

I pazienti hanno riportato una migliore qualità di vita correlata alla salute con Nivolumab più Cabozantinib rispetto a Sunitinib.

Nivolumab più Cabozantinib ha mostrato benefici significativi rispetto a Sunitinib per quanto riguarda la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza globale e la probabilità di risposta nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato non-trattato in precedenza. ( Xagena2021 )

Choueiri TK et al, N Engl J Med 2021; 384: 829-841

Uro2021 Nefro2021 Farma2021


Indietro