Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumori testa-collo

Nivolumab più Ipilimumab di prima linea nel tumore polmonare non-a-piccole cellule avanzato: espressione di PD-L1 e carico mutazionale del tumore come biomarcatori


CheckMate 568 è uno studio in aperto di fase II che ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Nivolumab ( Opdivo ) più Ipilimumab ( Yervoy ) a basso dosaggio come trattamento di prima linea del tumore polmonare non-a-piccole cellule avanzato / metastatico ( NSCLC ).

È stata valutata l'associazione dell’efficacia con l'espressione di PD-L1 e carico mutazionale del tumore ( TMB ).

288 pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio IIIB/IV in precedenza non-trattato, ricorrente, hanno ricevuto Nivolumab 3 mg/kg ogni 2 settimane più Ipilimumab 1 mg/kg ogni 6 settimane.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) nei pazienti con 1% o più e meno dell’1% dell'espressione di PD-L1 del tumore.

L'efficacia sulla base del TMB ( FoundationOne CDx assay ) era un endpoint secondario.

Dei pazienti trattati con tumore disponibili per il test, 252 pazienti su 288 ( 88% ) erano valutabili per l'espressione di PD-L1 e 98 pazienti su 120 ( 82% ) per TMB.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato pari al 30% complessivamente e del 41% e 15% nei pazienti con 1% o più e meno dell’1% dell'espressione di PD-L1 del tumore, rispettivamente.
Il tasso ORR è aumentato con il più alto valore TMB, raggiungendo un valore stabile a 10 o più mutazioni / megabase ( mut/Mb ).

Indipendentemente dall'espressione di PD-L1, i tassi ORR sono stati più alti nei pazienti con TMB di 10 o più mut/Mb ( n=48: PD-L1, maggiore o uguale a 1%, 48%, PD-L1, inferiore a 1%, 47% ) rispetto a TMB minore di 10 mut/Mb ( n=50: PD-L1 maggiore o uguale a 1%, 18%; PD-L1 inferiore a 1%, 5% ) e la sopravvivenza libera da progressione è stata più lunga nei pazienti con TMB di 10 o più mut/Mb rispetto a TMB minore di 10 mut/Mb ( mediana, 7.1 versus 2.6 mesi ).

Eventi avversi correlati al trattamento di grado da 3 a 4 si sono verificati nel 29% dei pazienti.

Nivolumab più Ipilimumab a basso dosaggio è stato efficace e tollerabile come trattamento di prima linea del tumore NSCLC avanzato / metastatico.
Il carico mutazionale del tumore di 10 o più mut/Mb è stato associato a una risposta migliore e a una sopravvivenza libera da progressione prolungata in entrambi i sottogruppi di espressione di PD-L1 del tumore dell’1% o superiore e inferiore all'1% ed è stato quindi identificato come un cutoff potenzialmente rilevante nella valutazione di TMB come biomarcatore per Nivolumab più Ipilimumab di prima linea. ( Xagena2019 )

Ready N et al, J Clin Oncol 2019; 37: 992-1000

Pneumo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro