Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Melanome

Olaparib di mantenimento per tumore al pancreas metastatico con mutazione germinale BRCA


I pazienti con una mutazione germinale BRCA1 o BRCA2 costituiscono un piccolo sottogruppo tra coloro che sono affetti da tumore pancreatico metastatico.
L'inibitore della poli(adenosina difosfato-ribosio) polimerasi ( PARP ) Olaparib ( Lynparza ) ha mostrato attività antitumorale in questa popolazione.

È stato condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 3 per valutare l'efficacia di Olaparib come terapia di mantenimento nei pazienti con mutazione germinale BRCA1 o BRCA2 e tumore pancreatico metastatico e patologia che non era progredita durante la chemioterapia a base di Platino di prima linea.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere terapia di mantenimento con Olaparib in compresse ( 300 mg due volte al giorno ) oppure placebo.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

Dei 3.315 pazienti sottoposti a screening, 154 sono stati sottoposti a randomizzazione e sono stati assegnati all'intervento dello studio ( 92 a ricevere Olaparib e 62 a ricevere placebo ).
La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata significativamente più lunga nel gruppo Olaparib rispetto al gruppo placebo ( 7.4 mesi vs 3.8 mesi; hazard ratio per progressione della malattia o morte, HR=0.53; P=0.004 ).

Un'analisi intermedia della sopravvivenza globale, con maturità dei dati del 46%, non ha mostrato alcuna differenza tra i gruppi Olaparib e placebo ( mediana, 18.9 mesi vs 18.1 mesi; hazard ratio per la mortalità, HR=0.91; P=0.68 ).

Non vi è stata alcuna differenza significativa tra i gruppi nella qualità di vita correlata alla salute, come indicato dalla variazione complessiva rispetto al basale del punteggio globale sulla qualità di vita ( su una scala di 100 punti, con punteggi più alti che indicano una migliore qualità di vita ) in base al questionario EORTC ( European Organization for Research and Treatment of Cancer Quality of Life ) ( differenza tra i gruppi, -2.47 punti ).

L'incidenza di eventi avversi di grado 3 o superiore è stata del 40% nel gruppo Olaparib e del 23% nel gruppo placebo ( differenza tra i gruppi, 16 punti percentuali ); il 5% e il 2% dei pazienti, rispettivamente, hanno interrotto l'intervento di studio a causa di un evento avverso.

Tra i pazienti con una mutazione germinale BRCA e tumore pancreatico metastatico, la sopravvivenza libera da progressione è stata più lunga con il mantenimento a base di Olaparib rispetto al placebo. ( Xagena2019 )

Golan T et al, N Engl J Med 2019; 381: 317-327

Gastro2019 Onco2019 Farma2019


Indietro