Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoPneumologia
OncoDermatologia

Oligodendroglioma anaplastico refrattario ad agenti alchilanti: trattamento con Bevacizumab


Ricercatori del Fred Hutchinson Cancer Center, a Seattle negli Stati Uniti, hanno condotto una valutazione retrospettiva di Bevacizumab ( Avastin ) come singolo agente terapeutico in pazienti adulti con oligodendroglioma anaplastico refrattario ad agenti alchilanti in presenza di co-delezione in 1p19q allo scopo di determinare la sopravvivenza libera da progressione.

Non ci sono terapie standard per l’oligodendroglioma resistente ad agenti alchilanti.

Nello studio sono stati trattati 22 pazienti di età compresa tra 24 e 60 anni con oligodendroglioma ricorrente.

Tutti i pazienti erano stati trattati in precedenza con chirurgia, radioterapia, chemioterapia adiuvante [ Temozolomide ( Temodal ): 17, Carmustina wafer ( Gliadel wafer ): 4 e Carmustina ( Gliadel ): 1 ) e 1 regime di salvataggio ( Procarbazina, Lomustina e Vincristina: 15; Temozolomide: 6 e Carmustina wafer: 1 ) ].

Undici pazienti sono stati sottoposti a ripetuti interventi chirurgici.

I pazienti sono stati trattati alla seconda ricorrenza con Bevacizumab, una volta ogni 2 settimane.

La valutazione neurologica è stata effettuata ogni 2 settimane e quella neuroradiografica dopo i 2 cicli iniziali di Bevacizumab e successivamente ogni 4 cicli di Bevacizumab.

Sono stati somministrati in totale 91 cicli di Bevacizumab ( mediana 14.5 cicli; range: 2-39 cicli ).

La tossicità correlata a Bevacizumab comprendeva: fatigue ( 14 pazienti; 4 di grado 3 ), leucopenia ( 9; 1 di grado 3 ), anemia ( 5; 0 di grado 3 ), ipertensione ( 5; 1 di grado 3 ), trombosi venosa profonda ( 4; 1 di grado 3 ) e deiscenza della ferita ( 2; 1 di grado 3 ).

Il 68% dei pazienti ( n=15 ) ha mostrato una parziale risposta radiografica, il 5% ( n=1 ) malattia stabile e il 27% ( n=6 ) malattia progressiva dopo 2 cicli di Bevacizumab.
Il tempo alla progressione del tumore è risultato incluso tra 1 e 18 mesi ( mediana: 6.75 mesi ).
La sopravvivenza si è dimostrata variabile tra 3 e 19 mesi ( mediana 8,5 mesi ).
La sopravvivenza libera da progressione a 6 e a 12 mesi è stata, rispettivamente, pari al 68% e al 23%.

In conclusione, Bevacizumab si è dimostrato efficace e con tossicità accettabile in questa coorte di adulti con oligodendroglioma anaplastico refrattario agli agenti alchilanti con co-delezione in 1p19q. ( Xagena2009 )

Chamberlain MC e Johnston S, Cancer 2009;115: 1734-1743


Onco2009 Neuro2009 Farma2009


Indietro