Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
Tumore Ovaie

Osimertinib nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule EGFR-mutato avanzato non-trattato


Osimertinib ( Tagrisso ) è un inibitore della tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR-TKI ), di terza generazione, irreversibile, che inibisce selettivamente le mutazioni EGFR-TKI-sensibilizzanti e EGFR T790M di resistenza.

Osimertinib è stato confrontato con un inibitore tirosin-chinasico di EGFR standard nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in stadio avanzato positivo alla mutazione EGFR, precedentemente non-trattato.

In uno studio in doppio cieco di fase 3, sono stati assegnati in modo casuale 556 pazienti con tumore NSCLC avanzato, in precedenza non-trattato, con mutazione EGFR ( esone 19 o L858R ), a ricevere Osimertinib ( alla dose di 80 mg una volta al giorno ) o un inibitore tirosin-chinasico di EGFR standard ( Gefitinib [ Iressa ] alla dose di 250 mg una volta al giorno o Erlotinib [ Tarceva ]alla dose di 150 mg una volta al giorno).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è risultata significativamente più lunga con Osimertinib rispetto agli inibitori tirosin-chinasici di EGFR standard ( 18.9 mesi versus 10.2 mesi, hazard ratio per progressione della malattia o morte, 0.46; P minore di 0.001 ).

Il tasso di risposta obiettiva è stato simile nei due gruppi: 80% con Osimertinib e 76% con inibitore tirosin-chinasico EGFR standard ( odds ratio, OR=1.27; P=0.24 ).

La durata mediana della risposta è stata di 17.2 mesi con Osimertinib contro 8.5 mesi con inibitore tirosin-chinasico di EGFR standard.

I dati sulla sopravvivenza globale erano immaturi all'analisi ad interim ( maturità del 25% ).

Il tasso di sopravvivenza a 18 mesi è stato dell'83% con Osimertinib e 71% con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR standard ( hazard ratio per morte, HR=0.63; P=0.007, non-significativo all'analisi ad interim ).

Gli eventi avversi di grado 3 o superiore sono stati meno frequenti con Osimertinib rispetto agli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR standard ( 34% vs 45% ).

Osimertinib ha mostrato un'efficacia superiore a quella degli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR standard nel trattamento di prima linea del tumore al polmone non-a-piccole cellule avanzato positivo alla mutazione EGFR, con un profilo di sicurezza simile e tassi più bassi di eventi avversi gravi. ( Xagena2018 )

Soria JC et al, N Engl J Med 2018; 378: 113-125

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro