Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore rene
ForumOncologico

Oxaliplatino, Fluorouracile e Leucovorina versus Fluorouracile e Leucovorina come chemioterapia adiuvante per il carcinoma del retto localmente avanzato dopo chemioradioterapia preoperatoria


Il ruolo della chemioterapia adiuvante per i pazienti con tumore del retto è controverso, soprattutto quando usato dopo la chemioradioterapia preoperatoria.
La chemioterapia adiuvante a base di fluoropirimidina, con Fluorouracile e Leucovorina, è stata ampiamente utilizzata; tuttavia, l'aggiunta di Oxaliplatino ( Eloxatin ) a Fluorouracile e Leucovorina ( FOLFOX ), un regime adiuvante standard per il tumore del colon, non è stata testata nel cancro del retto.

Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di Fluorouracile adiuvante e Leucovorina con quelle di FOLFOX in pazienti con cancro del retto localmente avanzato dopo chemioradioterapia preoperatoria.

In questo studio in aperto, multicentrico, di fase 2, randomizzato, i pazienti con tumore del retto in stadio patologico postoperatorio II ( ypT3-4N0 ) o III ( YPT anyN1-2 ) dopo chemioradioterapia preoperatoria a base di fluoropirimidina ed escissione totale del mesoretto sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la chemioterapia adiuvante con 4 cicli di Fluorouracile e Leucovorina ( Fluorouracile 380 mg/m2 e Leucovorina 20 mg/m2 nei giorni 1-5, ogni 4 settimane ) oppure 8 cicli di FOLFOX ( Oxaliplatino 85 mg/m2, Leucovorina 200 mg/m2 e Fluorouracile in bolo di 400 mg/m2 al giorno 1 e Fluorouracile in infusione di 2.400 mg/m2 per 46 ore, ogni 2 settimane ).

I fattori di stratificazione erano lo stadio patologico ( II vs III ) e il Centro di cura.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia a 3 anni.

Tra il 2008 e il 2012, 321 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Fluorouracile e Leucovorina ( n=161 ) e FOLFOX ( n=160 ).
141 pazienti su 149 nel gruppo Fluorouracile più Leucovorina ( 95% ) e 141 pazienti su 146 nel gruppo FOLFOX ( 97% ) hanno completato tutti i cicli previsti dal trattamento adiuvante.

Il follow-up è stato di 38.2 mesi.

La sopravvivenza libera da malattia a 3 anni è stata del 71.6% nel gruppo FOLFOX e del 62.9% nel gruppo Fluorouracile più Leucovorina ( hazard ratio, HR=0.657, P=0.047 ).

Neutropenia, trombocitopenia, affaticamento, nausea e neuropatia sensoriale di qualsiasi grado erano significativamente più frequenti nel gruppo FOLFOX rispetto al gruppo Fluorouracile più Leucovorina; tuttavia, non è stata notata alcuna differenza significativa nella frequenza di questi eventi di grado 3 o 4.
I più comuni eventi avversi di grado 3 o superiore sono stati neutropenia ( 38 pazienti su 149 nel gruppo Fluorouracile più Leucovorina [ 26% ], vs 52 pazienti su 146 nel gruppo FOLFOX [ 36% ] ), leucopenia ( 8 [ 5% ], vs 12 [ 8% ] ), neutropenia febbrile ( 4 [ 3% ] vs 1 [ inferiore a 1% ] ), diarrea ( 4 [ 3% ] vs 2 [ 1% ] ) e nausea ( 1 [ inferiore a 1% ] vs 2 [ 1% ] ).

FOLFOX adiuvante migliora la sopravvivenza libera da malattia rispetto a Fluorouracile più Leucovorina nei pazienti con tumore del retto localmente avanzato dopo chemioradioterapia preoperatoria e totale escissione del mesoretto, e giustifica ulteriori indagini. ( Xagena2014 )

Hong YS et al, Lancet 2014;15:1245-1253

Onco2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro