Roche Oncologia
Novartis
OncoHub
Tumore prostata

Paclitaxel legato all’albumina in nanoparticelle per la seconda linea di trattamento del carcinoma uroteliale metastatico


Non esiste un trattamento standard per i pazienti con carcinoma uroteliale refrattario al Platino. Taxani e Vinflunina sono comunemente utilizzati, ma la risposta è inferiore al 20% senza beneficio in termini di sopravvivenza.

In uno studio di fase 2, sono state valutate efficacia e tollerabilità di Paclitaxel legato ad albumina in nanoparticelle ( Nab-Paclitaxel; Abraxane ) nel carcinoma uroteliale refrattario al Platino.

È stato condotto uno studio in aperto, a singolo gruppo, in 2 stadi presso 5 Centri in Canada.

Sono stati arruolati pazienti di almeno 18 anni di età con tumore uroteliale localmente avanzato o metastatico misurabile e confermato per via istologica, con progressione documentata entro 12 mesi di trattamento con un precedente regime contenente Platino.

I pazienti hanno ricevuto Nab-paclitaxel alla dose di 260 mg/m2 per via intravenosa ogni 3 settimane.

Il trattamento è stato proseguito fino alla progressione della malattia o all’insorgenza di tossicità non-tollerabile.

L’endpoint primario era la risposta tumorale oggettiva, definita come risposta completa ( CR ) o risposta parziale ( PR ) in base ai criteri Response Evaluation Criteria In Solid Tumors ( versione 1.0 ).

Risposta tumorale e sicurezza sono state valutate in tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno un ciclo di Nab-Paclitaxel.

Sono stati arruolati 48 pazienti nel periodo 2008-2010.

I pazienti hanno ricevuto una mediana di 6 cicli ( intervallo da 1 a 15 ).

Sono risultati valutabili 47 pazienti; 1 ( 2.1% ) ha mostrato risposta completa e 12 ( 25.5% ) risposte parziali; la risposta generale è stata pari a 27.7%.

Gli eventi avversi di qualunque grado registrati con maggior frequenza sono stati fatigue ( 79% ), dolore ( 77% ), alopecia ( 71% ) e neuropatia ( 77% ).
Gli eventi avversi di grado uguale o superiore a 3 registrati con maggior frequenza sono stati dolore ( 23% ), fatigue ( 23% ), ipertensione ( 6% ), neuropatia ( 6% ) e rigidità o dolore articolare ( 4% ).

In conclusione, Nab-Paclitaxel è risultato ben tollerato in questa popolazione di pazienti con carcinoma uroteliale avanzato e già trattato in precedenza con una risposta tumorale incoraggiante.
Questi risultati sono a sostegno di ulteriori studi su Nab-Paclitaxel nel trattamento di seconda linea nel carcinoma uroteliale. ( Xagena2013 )

Ko YJ et al, Lancet Oncol 2013; 14: 769-776

Onco2013 Uro2013 Farma2013


Indietro