Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoDermatologia
ForumOncologico

Pembrolizumab nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule avanzato: studio KEYNOTE-001


L’anticorpo monoclonale anti-PD-1 Pembrolizumab ( Keytruda ) ha mostrato attività antitumorale, ed è un'opzione di trattamento di prima e seconda linea per i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule avanzato con espressione di PD-L1.

Sono stati riportati i risultati di sicurezza e di efficacia aggiornati a 3 anni dallo studio KEYNOTE-001.

KEYNOTE-001 è uno studio di fase 1 multicoorte in aperto di Pembrolizumab ( 2 mg/kg ogni 3 settimane o 10 mg/kg ogni 2 o 3 settimane ) in pazienti naive o precedentemente trattati con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico con malattia misurabile al basale.
Sono state assegnate 2 coorti in modo casuale a una dose di Pembrolizumab, e altre 4 coorti sono state assegnate a una dose di Pembrolizumab senza randomizzazione.

Sono stati presentati i risultati a 3 anni per l'intero set di analisi dei pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento in studio, raggruppati per tutte le dosi di Pembrolizumab.

L'endpoint primario di efficacia era la percentuale di pazienti con risposta obiettiva, analizzato in base a criteri di risposta immuno-correlati.
Gli endpoint secondari di efficacia includevano la sopravvivenza globale, la durata della risposta e la sopravvivenza libera da progressione.
Gli endpoint di sicurezza includevano l'incidenza di eventi avversi.

Tra il 2012 e il 2014, sono stati arruolati 550 pazienti ( 101 naive e 449 precedentemente trattati ). Il follow-up mediano è stato di 34.5 mesi al cutoff dei dati nel 2016.

A 36 mesi, la risposta obiettiva valutata in base ai criteri di risposta immuno-correlata è stata raggiunta da 41 su 101 pazienti naive al trattamento ( 41%; durata mediana della risposta 16.7 mesi ) e da 102 su 449 pazienti precedentemente trattati ( 23%; 33.3 mesi ).

La stima di Kaplan-Meier di sopravvivenza globale a 36 mesi è stata del 26.4% per i pazienti naive al trattamento e del 19.0% per i pazienti precedentemente trattati, con una sopravvivenza mediana complessiva di 22.3 mesi e di 10.5 mesi.

Il punteggio di proporzione tumorale ( TPS ) di PD-L1 maggiore o uguale al 50% è stato associato a una sopravvivenza globale mediana più lunga rispetto a un punteggio TPS tra 1% e 49% ( naive al trattamento: 34.9 vs 19.5 mesi; precedentemente trattati: 15.4 vs 8.5 mesi ).

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-5 si sono verificati in 66 pazienti ( 12% ) e 30 ( 6% ) hanno interrotto a causa di un evento avverso correlato al trattamento.
Gli eventi avversi più frequenti correlati al trattamento di grado 3-4 sono stati polmonite ( 10 su 550, 2% ) e affaticamento ( 5 su 550, 1% ).
Complessivamente, 227 pazienti su 550 ( 41% ) hanno presentato eventi avversi gravi, di cui 50 ( 9% ) erano correlati al trattamento.

Pembrolizumab ha fornito una risposta duratura ed effetti a lungo termine sulla sopravvivenza globale, con sicurezza tollerabile, per i pazienti naive al trattamento e precedentemente trattati con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule avanzato che esprime PD-L1. ( Xagena2019 )

Leighl NB et al, Lancet Respiratory Medicine 2019; 7: 347-357

Pneumo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro