Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
ForumOncologico
Tumore Mammella

Pembrolizumab nei pazienti con cancro polmonare a piccole cellule in stadio esteso: studio KEYNOTE-028


La sicurezza e l'efficacia di Pembrolizumab ( Keytruda ), un anticorpo monoclonale umanizzato anti-morte cellulare programmata 1 ( PD-1 ), sono state valutate in pazienti con tumore polmonare a piccole cellule ( SCLC ) in stadio esteso con espressione del ligando 1 di morte cellulare programmata ( PD-L1 ) nello studio in aperto di fase Ib KEYNOTE-028.

I pazienti con tumore SCLC hanno ricevuto Pembrolizumab 10 mg/kg ogni 2 settimane per 24 mesi o fino a progressione della malattia o tossicità intollerabile.
L'espressione di PD-L1 è stata valutata mediante immunoistochimica.

I pazienti PD-L1-positivi presentavano un'espressione membranosa di PD-L1 maggiore o uguale all’1% del tumore e cellule infiammatorie associate o colorazione positiva nello stroma.

La risposta è stata valutata secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1 ogni 8 settimane per i primi 6 mesi e successivamente ogni 12 settimane.
Gli eventi avversi sono stati segnalati secondo i National Cancer Institute Common Terminology Criteria per gli eventi avversi, versione 4.0.

Gli endpoint primari erano rappresentati da: sicurezza, tollerabilità e tasso di risposta obiettiva ( ORR ).
Gli endpoint secondari hanno compreso la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza globale e la durata della risposta.

Sono stati arruolati 24 pazienti con tumore SCLC con espressione di PD-L1 che avevano ricevuto almeno una dose di Pembrolizumab.

Al cutoff dei dati, la durata mediana del follow-up è stata di 9.8 mesi.

Tutti e 24 i pazienti hanno presentato eventi avversi; i più comuni sono stati astenia ( n=7 ), affaticamento ( n=7 ) e tosse ( n=6 ).
Due pazienti hanno manifestato da 3 a 5 eventi avversi correlati al trattamento: un paziente aveva bilirubina elevata e un paziente aveva astenia, colite di grado 5 e ischemia intestinale.

Un paziente ha presentato una risposta completa e 7 pazienti hanno avuto risposte parziali, risultando in un ORR del 33%.

In conclusione, la sicurezza di Pembrolizumab è stata coerente con il profilo di sicurezza noto in altri tipi di tumore.
Pembrolizumab ha dimostrato una promettente attività antitumorale in pazienti con tumore del polmone a piccole cellule pretrattato con espressione di PDL-L1. ( Xagena2017 )

Ott PA et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3823-3829

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro