Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Tumore prostata

Pembrolizumab per il carcinoma squamoso anale avanzato precedentemente trattato: risultati dello studio KEYNOTE-158


Gli esiti nel carcinoma a cellule squamose anale avanzato sono sfavorevoli, con poche opzioni di trattamento e studi clinici controllati.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Pembrolizumab Keytruda nei pazienti con carcinoma a cellule squamose anale avanzato ( coorte A ) dallo studio di fase 2 KEYNOTE-158.

I pazienti eleggibili arruolati nello studio, in corso, non-randomizzato, multicoorte, multicentrico, di fase 2 KEYNOTE-158, condotto in 38 Centri in tutto il mondo, avevano un'età pari o superiore a 18 anni; avevano un carcinoma a cellule squamose anale avanzato o metastatico confermato istologicamente o citologicamente; avevano presentato un precedente fallimento o intolleranza alla terapia standard o nessuna opzione terapeutica standard; e avevano un campione di tessuto valutabile per PD-L1.

I pazienti hanno ricevuto Pembrolizumab 200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane per 2 anni, o fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile, decisione dello sperimentatore di ritirare il paziente dallo studio o revoca del consenso del paziente.

L'endpoint primario era la risposta obiettiva, valutata secondo i criteri RECIST versione 1.1.
Le analisi di efficacia e di sicurezza hanno incluso tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Pembrolizumab.

Tra il 2016 e il 2018 sono stati selezionati 163 pazienti, di cui 112 arruolati e trattati nella coorte di cancro anale.
91 pazienti ( 81% ) erano donne, 104 ( 93% ) avevano malattia M1 e 75 ( 67% ) avevano tumori PD-L1-positivi.

Il tempo mediano dalla prima dose al cutoff dei dati nel 2019 è stato di 34.7 mesi.

12 pazienti ( 11% ) hanno presentato una risposta obiettiva, inclusi 11 su 75 pazienti ( 15% ) con tumori PD-L1-positivi e 1 su 30 pazienti ( 3% ) con tumore PD-L1-negativo.

68 pazienti ( 61% ) hanno manifestato eventi avversi correlati al trattamento ( in 20 pazienti, 18%, gli eventi avversi erano di grado 3-4 ), i più comuni dei quali sono stati affaticamento ( 17 pazienti ), diarrea ( 13 ), ipotiroidismo ( 13 ), e nausea ( 13 ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 12 pazienti ( 11% ).
25 pazienti ( 22% ) hanno manifestato eventi avversi immuno-mediati e 1 ( 1% ) ha avuto una reazione all'infusione.

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

La monoterapia con Pembrolizumab è una possibile opzione terapeutica con un rapporto rischio-beneficio favorevole per i pazienti con tumore squamocellulare anale avanzato precedentemente trattato che non avevano alternative terapeutiche soddisfacenti. ( Xagena2022 )

Marabelle A et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2022; 7: 446-454

Gastro2022 Onco2022 Farma2022


Indietro