Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Tumore prostata

Pembrolizumab versus placebo come terapia adiuvante post-nefrectomia per il carcinoma renale a cellule chiare: studio KEYNOTE-564, analisi di follow-up a 30 mesi


La prima analisi ad interim dello studio KEYNOTE-564 ha mostrato una sopravvivenza libera da malattia migliorata con Pembrolizumab ( Keytruda ) adiuvante rispetto al placebo dopo l'intervento chirurgico nei pazienti con carcinoma renale a cellule chiare ad aumentato rischio di recidiva.

L'analisi qui riportata, con ulteriori 6 mesi di follow-up, è stata progettata per valutare l'efficacia e la sicurezza a lungo termine di Pembrolizumab rispetto al placebo, nonché ulteriori endpoint secondari ed esplorativi.

Nello studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 3 KEYNOTE-564, adulti di età pari o superiore a 18 anni con carcinoma renale a cellule chiare con un aumentato rischio di recidiva sono stati arruolati in 213 ospedali e centri oncologici in Nord America, Sud America, Europa, Asia e Australia.

I partecipanti idonei avevano un ECOG performance status di 0 o 1, erano stati sottoposti a nefrectomia 12 settimane o meno prima della randomizzazione e non avevano ricevuto una precedente terapia sistemica per carcinoma a cellule renali in fase avanzata.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Pembrolizumab 200 mg o placebo per via endovenosa ogni 3 settimane per un massimo di 17 cicli. La randomizzazione è stata stratificata per stato di malattia metastatica ( M0 vs M1 ) e il gruppo M0 è stato ulteriormente stratificato in base all’ECOG performance status e alla regione geografica.
Tutti i partecipanti e i ricercatori coinvolti nella somministrazione del trattamento in studio erano in cieco per l'assegnazione del gruppo di trattamento.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia secondo la valutazione dello sperimentatore nella popolazione intention-to-treat [ ITT ] ( tutti i partecipanti assegnati in modo casuale a un trattamento ).
La sicurezza è stata valutata nella popolazione di sicurezza, comprendente tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose di Pembrolizumab oppure placebo.

Poiché l'endpoint primario è stato raggiunto durante la prima analisi intermedia, i dati aggiornati vengono riportati senza valori P.

Tra il 2017 e il 2019, 994 partecipanti sono stati assegnati a ricevere Pembrolizumab ( n=496 ) o placebo ( n=498 ).
Il follow-up mediano, definito come il tempo dalla randomizzazione al cutoff dei dati nel 2021, è stato di 30.1 mesi.

La sopravvivenza libera da malattia è stata migliore con Pembrolizumab rispetto al placebo ( hazard ratio, HR=0.63 ).
La sopravvivenza mediana libera da malattia non è stata raggiunta in nessuno dei due gruppi.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3-4 per tutte le cause sono stati ipertensione ( in 14 su 496 partecipanti, 3% ) e aumento dell'alanina aminotransferasi ( in 11, 2% ) nel gruppo Pembrolizumab e ipertensione ( in 13 su 498 partecipanti, 3% ) nel gruppo placebo.

Eventi avversi gravi attribuiti al trattamento in studio si sono verificati in 59 partecipanti ( 12% ) nel gruppo Pembrolizumab e in un partecipante ( inferiore a 1% ) nel gruppo placebo.

I risultati aggiornati di KEYNOTE-564 supportano l'uso della monoterapia adiuvante con Pembrolizumab come standard di cura per i partecipanti con carcinoma a cellule renali con un aumentato rischio di recidiva dopo nefrectomia. ( Xagena2022 )

Powles T et al, Lancet Oncology 2022; 23: 1133-1144

Nefro2022 Onco2022 Chiru2022 Farma2022



Indietro