BMS
Novartis
Lung Unit
OncoPneumologia

Pemigatinib per colangiocarcinoma precedentemente trattato, localmente avanzato o metastatico


Nella patogenesi del colangiocarcinoma sono coinvolte alterazioni del gene del recettore del fattore di crescita dei fibroblasti 2 ( FGFR2 ).
Pemigatinib ( Pemazyre ) è un inibitore selettivo, potente e orale di FGFR1, 2 e 3.

Sono state valutate la sicurezza e l'attività antitumorale di Pemigatinib nei pazienti con colangiocarcinoma precedentemente trattato, localmente avanzato o metastatico con e senza fusioni o riarrangiamenti di FGFR2.

Nello studio multicentrico, in aperto, a braccio singolo, multicoorte, di fase 2, FIGHT-202, i pazienti di età pari o superiore a 18 anni con progressione della malattia a seguito di almeno un trattamento precedente e un ECOG performance status di 0–2 reclutati da 146 siti negli Stati Uniti, Europa, Medio Oriente e Asia sono stati assegnati a una di tre coorti: pazienti con fusioni o riarrangiamenti di FGFR2, pazienti con altre alterazioni FGF / FGFR o pazienti con nessuna alterazione FGF / FGFR.

Tutti i pazienti arruolati hanno ricevuto una dose iniziale di 13.5 mg di Pemigatinib orale una volta al giorno ( ciclo di 21 giorni; 2 settimane di terapia, 1 settimana off ) fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile, revoca del consenso o decisione del medico.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti che hanno ottenuto una risposta obiettiva tra quelli con fusioni o riarrangiamenti di FGFR2, valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Pemigatinib.

Tra il 2017 e il 2019 sono stati arruolati 146 pazienti: 107 con fusioni o riarrangiamenti FGFR2, 20 con altre alterazioni FGF / FGFR, 18 senza alterazioni FGF / FGFR e uno con un'alterazione FGF / FGFR indeterminata.

Il follow-up mediano è stato di 17.8 mesi. 38 pazienti ( 35.5% ) con fusioni o riarrangiamenti FGFR2 hanno ottenuto una risposta obiettiva ( 3 risposte complete e 35 risposte parziali ).

Nel complesso, l'iperfosfatemia è stato l'evento avverso di tutti i gradi più comune, indipendentemente dalla causa ( 88 su 146 pazienti, 60% ).
93 pazienti ( 64% ) hanno presentato un evento avverso di grado 3 o peggiore ( indipendentemente dalla causa ); i più frequenti sono stati ipofosfatemia ( 18, 12% ), artralgia ( 9, 6% ), stomatite ( 8, 5% ), iponatremia ( 8, 5% ), dolore addominale ( 7, 5% ), e fatica ( 7, 5% ).

65 pazienti ( 45% ) hanno avuto eventi avversi gravi; i più frequenti sono stati dolore addominale ( 7, 5% ), piressia ( 7, 5% ), colangite ( 5, 3% ) e versamento pleurico ( 5, 3% ).

Complessivamente, 71 ( 49% ) pazienti sono deceduti durante lo studio, più frequentemente a causa della progressione della malattia ( 61, 42% ); nessuna morte è stata considerata correlata al trattamento.

Questi dati supportano il potenziale terapeutico di Pemigatinib nei pazienti precedentemente trattati con colangiocarcinoma che hanno fusioni o riarrangiamenti di FGFR2. ( Xagena2020 )

Abou-Alfa GK et al, Lancet Oncology 2020; 21: 671-684

Gastro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro