BMS
Novartis
Lung Unit
Tumore prostata

Presentazione clinica, gestione e biomarcatori di neurotossicità dopo immunoterapia adottiva con cellule CAR-T


Le cellule T esprimenti un recettore chimerico per l’antigene ( CAR ) rappresentano una promettente classe di immunoterapia a base cellulare nelle neoplasie refrattarie.
La neurotossicità rappresenta un effetto avverso comune e potenzialmente letale delle cellule CAR-T, e l'esperienza clinica è limitata.

E' stata descritta la presentazione clinica e la gestione di 25 pazienti adulti che hanno manifestato sindromi neurotossiche dopo la terapia con cellule CAR-T presso il Massachusetts General Hospital ( Stati Uniti ).

Questa coorte comprendeva 24 pazienti trattati con cellule CAR-T dirette contro CD19 per linfoma non-Hodgkin ( n=23 ) e leucemia linfoblastica acuta ( n=1 ) e 1 paziente trattato con cellule CAR-T dirette contro alfa-fetoproteina ( AFP ) per carcinoma epatocellulare ( n=1 ).
12 dei 25 pazienti ( 48% ) hanno sviluppato neurotossicità di grado 1-2 e 13 pazienti ( 52% ) hanno presentato neurotossicità di grado 3-4.

Si è scoperto che una conta piastrinica inferiore al momento dell'infusione di cellule CAR T era associata a più grave neurotossicità ( P=0.030 ).
La sindrome da rilascio di citochine si è verificata in 24 pazienti su 25 ( 96% ).

I livelli sierici di ferritina hanno raggiunto il picco con l'insorgenza dei sintomi neurologici e livelli più alti di ferritina sono stati associati a un grado di neurotossicità più elevato.

La neurotossicità di grado 3-4 è risultata correlata negativamente alla sopravvivenza globale ( OS ) ( P=0.013 ).
La sopravvivenza mediana globale dell'intera coorte è stata pari a 54.7 settimane.
8 pazienti ( 32% ) con neurotossicità di grado 3-4 sono deceduti alla chiusura del database, mentre nessuno è deceduto con neurotossicità di grado 1-2.

Alti livelli di lattato deidrogenasi pretrattamento sono stati frequentemente riscontrati in pazienti con linfoma con neurotossicità di grado 3-4, ed è stata correlata negativamente ala sopravvivenza libera da progressione ( P=0.048 ).

Non sono state trovate prove che l'uso di steroidi per 7 giorni o più abbia alterato l'esito del paziente rispetto a meno di 7 giorni di steroidi.
La gestione della neurotossicità mediata da cellule CAR-T richiede la valutazione in studi clinici prospettici. ( Xagena2019 )

Karschnia P et al, Blood 2019; 133: 2212-2221

Emo2019 Onco2019 Neuro2019 Med2019



Indietro