Roche Oncologia
OncoHub
Novartis
Tumore prostata

Ramucirumab in combinazione con FOLFIRI per il carcinoma colorettale metastatico progredito durante o dopo la terapia con Bevacizumab, Oxaliplatino e una fluoropirimidina


L'angiogenesi è un importante obiettivo terapeutico nel carcinoma del colon-retto.
Ramucirumab ( Cyramza ) è un anticorpo monoclonale umano IgG-1 che ha come bersaglio il dominio extracellulare del recettore VEGF2.

E’ stata valutata l'efficacia e la sicurezza di Ramucirumab rispetto al placebo in combinazione con FOLFIRI di seconda linea ( Leucovorina, Fluorouracile e Irinotecan ) per il tumore del colon-retto metastatico nei pazienti con progressione della malattia durante o dopo la terapia di prima linea con Bevacizumab, Oxaliplatino e una fluoropirimidina.

Tra il 2010 e il 2013 sono stati arruolati pazienti nello studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, di fase 3 RAISE.
I pazienti eleggibili avevano progressione della malattia durante o entro 6 mesi dall'ultima dose di terapia di prima linea.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere 8 mg/kg per via endovenosa di Ramucirumab più FOLFIRI o placebo più FOLFIRI ogni 2 settimane fino a progressione della malattia, effetti tossici inaccettabili, o mortalità.

La randomizzazione è stata stratificata in base alla regione, stato di mutazione KRAS e tempo di progressione della malattia dopo l'inizio del trattamento di prima linea.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat.

Sono stati arruolati 1.072 pazienti ( 536 in ciascun gruppo ).

La sopravvivenza mediana globale è stata di 13.3 mesi per i pazienti nel gruppo Ramucirumab vs 11.7 mesi per il gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.844; log-rank P=0.0219 ).

Il beneficio di sopravvivenza è stato costante nei sottogruppi di pazienti che hanno ricevuto Ramucirumab più FOLFIRI.

Gli eventi avversi di grado 3 o superiore osservati in più del 5% dei pazienti sono stati neutropenia ( 203 [ 38% ] su 529 pazienti nel gruppo Ramucirumab vs 123 [ 23% ] su 528 nel gruppo placebo, con incidenza di neutropenia febbrile di 18 [ 3% ] vs 13 [ 2% ] ), ipertensione ( 59 [ 11% ] vs 15 [ 3% ] ), diarrea ( 57 [ 11% ] vs 51 [ 10% ] ) e fatica ( 61 [ 12% ] vs 41 [ 8% ] ).

Ramucirumab più FOLFIRI ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale rispetto a placebo più FOLFIRI come trattamento di seconda linea per i pazienti con carcinoma colorettale metastatico.
Non sono stati identificati eventi avversi inattesi e gli effetti tossici sono stati gestibili. ( Xagena2015 )

Tabernero J et al, Lancet 2015;16:499-508

Onco2015 Gastro2015 Farma2015


Indietro