Novartis
OncoHub
Janssen Oncology
Oncologia Morabito

Regorafenib in pazienti con carcinoma renale metastatico o non operabile non trattato in precedenza


Regorafenib ( Stivarga ) inibisce i recettori 1, 2 e 3 di VEGF e i recettori di PDGF come altri inibitori tirosin-chinasici anti-angiogenici approvati per il trattamento del carcinoma renale avanzato.
Regorafenib inibisce anche altre chinasi angiogeniche potenzialmente importanti come TIE2, la cui attivazione si pensa possa essere importante nei meccanismi di fuga del tumore

Uno studio di fase 2, in aperto e non-randomizzato ha valutato la sicurezza e l’efficacia dell’inibitore multichinasico Regorafenib per il trattamento del carcinoma renale.

I pazienti sono stati reclutati da 18 Centri oncologici in Europa e USA.

Pazienti con carcinoma renale a cellule chiare metastatico o non-operabile, non-trattato in precedenza, hanno ricevuto Regorafenib per via orale ( 160 mg al giorno ) in cicli ripetuti di 3 settimane di trattamento, e 1 settimana senza trattamento, fino alla progressione della malattia o fino a che i pazienti non soddisfacevano i criteri per la rimozione dallo studio.

L’endpoint primario di efficacia era la proporzione di pazienti che avevano raggiunto risposta generale oggettiva, valutata in tutti i pazienti valutabili in termini di risposta.

Lo studio è stato condotto nel periodo 2008-2011.

Sono stati sottoposti a screening 64 pazienti, 49 dei quali hanno ricevuto Regorafenib.

La durata mediana del trattamento è stata di 7.1 mesi, e al momento del cut-off dei dati 6 pazienti (12%) stavano ancora ricevendo il trattamento.

Nello studio, 48 pazienti sono risultati valutabili per la risposta tumorale: 19 ( 39.6% ) hanno ottenuto risposta oggettiva, la risposta parziale è stata ottenuta in tutti.

Eventi avversi correlati al farmaco si sono manifestati in 48 pazienti ( 98% ), ed eventi avversi gravi farmaco-correlati in 17 ( 35% ).

Eventi avversi di grado 3 correlati al farmaco erano comuni, i più frequenti sono stati: reazioni cutanee mano-piede ( n=16, 33% ), diarrea ( n=5, 10% ), insufficienza renale ( n=5, 10% ), fatigue ( n=4, 8% ) e ipertensione ( n=3, 6% ).

Due pazienti hanno mostrato effetti avversi di grado 4 correlati al trattamento: 2 ischemia cardiaca o infarto miocardico, 1 ipomagnesemia e 1 dolore al petto o al torace.

Quattro pazienti sono deceduti durante il trattamento o entro 30 giorni dall'ultima dose; tra questi, due casi potevano essere correlati al farmaco in studio.

In conclusione, Regorafenib mostra attività anti-tumorale come trattamento di prima linea del carcinoma renale metastatico o inoperabile, e il profilo di sicurezza del farmaco richiede uno stretto monitoraggio. ( Xagena2012 )

Eisen T et al, Lancet Oncol 2012; 13: 1055-1062

Onco2012 Nefro2012 Farma2012


Indietro