Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumore Vescica

Regorafenib rispetto a Lomustina nei pazienti con glioblastoma recidivato: studio REGOMA


Il glioblastoma è un tumore altamente vascolarizzato e ci sono poche opzioni di trattamento dopo la recidiva della malattia.
Regorafenib ( Stivarga ) è un inibitore multichinasico orale del recettore angiogenico, stromale e oncogenico della tirosin-chinasi.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Regorafenib nel trattamento del glioblastoma ricorrente.

REGOMA è uno studio di fase 2 randomizzato, multicentrico, in aperto, condotto in 10 Centri in Italia.
I pazienti eleggibili di età a partire da 18 anni, con glioblastoma confermato istologicamente, ECOG performance status di 0 o 1 e progressione della malattia documentata dopo chirurgia seguita da radioterapia e chemioradioterapia a base di Temozolomide sono stati assegnati casualmente, stratificando per Centro e intervento chirurgico alla recidiva ( sì versus no ), a ricevere Regorafenib 160 mg una volta al giorno per le prime 3 settimane di ciascun ciclo di 4 settimane oppure Lomustina 110 mg/m2 una volta ogni 6 settimane fino a progressione della malattia, morte, tossicità inaccettabile o ritiro del consenso.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat.

Tra il 2015 e il 2017, 124 pazienti sono stati sottoposti a screening e 119 pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Regorafenib ( n=59 ) o Lomustina ( n=60 ).
Il follow-up mediano è stato di 15.4 mesi.
Alla data limite dell'analisi, 99 dei 119 pazienti ( 83% ) erano deceduti: 42 su 59 ( 71% ) nel gruppo Regorafenib e 57 su 60 ( 95% ) nel gruppo Lomustina.

La sopravvivenza globale è risultata significativamente migliorata nel gruppo Regorafenib rispetto al gruppo Lomustina, con una sopravvivenza globale mediana di 7.4 mesi nel gruppo Regorafenib e 5.6 mesi nel gruppo Lomustina ( hazard ratio, HR=0.50, log-rank P=0.0009 ).

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4 si sono verificati in 33 pazienti su 59 ( 56% ) trattati con Regorafenib e in 24 su 60 ( 40% ) con Lomustina.
Gli eventi avversi di grado 3 o 4 più frequenti correlati a Regorafenib sono stati reazione cutanea mano-piede, aumento della lipasi e aumento della bilirubina nel sangue (i n 6 pazienti su 59 ciascuno, 10% ).

Nel gruppo Lomustina, i più comuni eventi avversi di grado 3 o 4 sono stati diminuzione della conta piastrinica ( 8 su 60 pazienti, 13% ), diminuzione della conta dei linfociti ( 8, 13% ) e neutropenia ( 7, 12% ). Nessun decesso è stato considerato correlato al farmaco.

REGOMA ha mostrato un incoraggiante beneficio generale di sopravvivenza con Regorafenib nel glioblastoma ricorrente.
Questo farmaco potrebbe rappresentare un nuovo potenziale trattamento per questi pazienti e dovrebbe essere studiato in uno studio di fase 3 adeguatamente potenziato. ( Xagena2019 )

Lombardi G et al, Lancet Oncology 2019; 20: 110-119

Onco2019 Neuro2019 Farma201


Indietro