Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
OncoHub

Rischio cardiaco nelle pazienti anziane trattate con Herceptin


Le pazienti anziane con carcinoma mammario che soffrono di malattie cardiache o di diabete mellito presentano un aumento significativo del rischio di cardiotossicità se trattate con Trastuzumab ( Herceptin ), un anticorpo anti-HER2.

Più di un quarto delle pazienti è andato incontro a riduzioni clinicamente significative della frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) durante il trattamento con Trastuzumab. Due terzi degli episodi ( 8 su 12 ) sono risultati asintomatici.

Delle 4 pazienti che hanno sviluppato sintomi di insufficienza cardiaca congestizia, 3 hanno recuperato la funzione cardiaca nell'arco di diverse settimane, ad eccezione di 1 paziente nonostante l’interruzione di Trastuzumab e il trattamento standard per lo scompenso cardiaco.

Poiché il tasso di mortalità a 5 anni dopo la diagnosi di scompenso cardiaco cronico è di circa il 50% nei pazienti di età superiore ai 65 anni, è necessaria una stretta sorveglianza dei sintomi d’esordio e della funzione cardiaca nella popolazione anziana con cancro al seno che deve sottoporsi a trattamento con Trastuzumab.

Rispetto alla cardiotossicità delle antracicline, gli effetti avversi del Trastuzumab non sono dose-correlati e neppure cumulativi. La gravità della cardiotossicità correlata a Trastuzumab è molto variabile ma è generalmente reversibile con la sospensione del farmaco.

Un limite di molti studi clinici in oncologia è l'arruolamento di pochi pazienti anziani.
Per quanto riguarda Trastuzumab, gli studi clinici in genere arruolano donne di età uguale o inferiore a 65 anni e con buon performance status. Pertanto, l'estrapolazione dei risultati per i pazienti più anziani o più malati richiede cautela.

Dati i benefici di Trastuzumab e la mancanza di informazioni riguardo alla cardiotossicità nei pazienti più anziani, i ricercatori del Vall d'Hebron University Hospital a Barcellona ( Spagna ) hanno compiuto una revisione della propria esperienza clinica con questo farmaco.

L'esame delle cartelle mediche ha riguardato 45 pazienti con tumore al seno di età uguale o superiore a 70 anni, trattati con Trastuzumab.
L’età mediana dei pazienti all'inizio del trattamento con Trastuzumab era di 75.9, e 11 pazienti avevano un’età superiore agli 80 anni.
Circa il 90% dei pazienti aveva un performance status di 0-1, il 56% ha ricevuto Trastuzumab come neoadiuvante o adiuvante, e il restante 44% aveva ricevuto il farmaco per la malattia metastatica.

La valutazione della frazione d’eiezione ventricolare sinistra è stata eseguita al basale e dopo un intervallo medio di 4.5 mesi. La FEVS al basale era in media del 64%. La durata mediana del trattamento con Trastuzumab è stata di 49 settimane.

Un totale di 12 ( 26.7% ) pazienti ha presentato un evento cardiaco con un tempo di insorgenza compreso tra 3 e 132 settimane dopo l'inizio della terapia a base di Trastuzumab.
Ogni paziente presentava almeno un fattore di rischio per malattie cardiache e 8 avevano due o più fattori di rischio.

Le 4 pazienti che hanno sviluppato sintomi di scompenso cardiaco soffrivano di cancro al seno di stadio IV. I valori di FEVS al basale variavano dal 50.8% al 70%, e il tempo di insorgenza di insufficienza cardiaca congestizia era di 3, 5, 9, e 72 settimane. Trastuzumab è stato interrotto in tutti i casi, e il tempo di recupero in 3 pazienti è stato di 3, 5, e 21 settimane.

Nell'unica paziente, in cui non c’è stato recupero della funzione cardiaca, l’insorgenza di insufficienza cardiaca sintomatica è stata tardiva, inoltre la donna presentava un fattore di rischio per la malattia cardiaca, e una frazione d’eiezione ventricolare sinistra al basale del 63.8%.

Gli 8 pazienti con cali asintomatici della FEVS comprendevano: 5 pazienti con cancro in stadio IV. Il numero di fattori di rischio cardiaco variava da 1 a 6, con FEVS al basale 57-71.8%. Il tempo di recupero della funzione cardiaca è stato di 9 settimane o meno in 6 degli 8 pazienti.

Il confronto tra pazienti con e senza cardiotossicità non ha mostrato nessuna differenza nella durata del trattamento, FEVS al basale, storia della terapia con antracicline, o radioterapia del lato sinistro.

In generale, le pazienti che hanno sviluppato cardiotossicità durante la terapia con Trastuzumab avevano più fattori di rischio cardiaco. Tuttavia, solo 2 fattori sono rimasti statisticamente significativi in un'analisi multivariata: la preesistente malattia cardiaca ( p=0.017 ) e il diabete mellito ( p=0.010 ).

L'incidenza di tumore aumenta notevolmente con l'età, e il 70% circa di tutti i tumori di nuova diagnosi interessano persone di età superiore ai 65 anni. ( Xagena2011 )

Fonte: Annals of Oncology, 2011


Cardio2011 Farma2011 Onco2011 Gyne2001


Indietro