Oncologia Morabito
OncoHub
Novartis
Janssen Oncology

Risposte ai vaccini COVID-19 nei pazienti oncologici: impatto del tumore e del tipo di trattamento


I pazienti con cancro sono stati sottorappresentati negli studi clinici sui vaccini COVID-19, quindi non è ben definito quanto i vaccini siano in grado di proteggere questi pazienti.
Pertanto, sono stati condotti diversi studi che hanno misurato gli indicatori della protezione da COVID-19 nei pazienti oncologici, compresa la produzione di anticorpi anti-SARS-CoV-2 e i livelli di cellule B e cellule T della memoria dopo la vaccinazione.

Gli studi hanno indicato che la maggior parte dei pazienti con tumori solidi produce anticorpi e attiva risposte cellulari.
Tuttavia, c'è un sottoinsieme di pazienti che non rispondono e la forza della loro risposta appare complessivamente inferiore a quella degli individui sani.
Inoltre, i pazienti con neoplasie ematologiche sembrano avere meno probabilità di quelli con tumori solidi di avere risposte immunitarie rilevabili.
Gli studi hanno anche mostrato che i pazienti che ricevono determinate terapie antitumorali, in particolare la chemioterapia, possono avere un rischio maggiore di risposta alterata alla vaccinazione.

Studi clinici

In uno studio, Ehmsen et al ( Cancer Cell 2021 ) hanno valutato le risposte anticorpali IgG ( immunoglobulina G ) anti-spike del virus SARS-CoV-2 e le risposte delle cellule T in pazienti oncologici che hanno ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech o il vaccino Moderna.
Lo studio ha incluso 201 pazienti con tumori solidi e 323 con neoplasie ematologiche.
A 36 giorni dopo la seconda dose di vaccino, il tasso di sieropositività è stato pari al 93% nei pazienti con tumori solidi e del 66% nei pazienti con neoplasie ematologiche ( P = 0.004 ).
I pazienti avevano maggiori probabilità di essere sieronegativi se ricevevano terapia anti-CD20, terapia con inibitori BTK o chemioterapia.
Tra i pazienti con tumore solido, il 46% ha avuto una risposta dei linfociti T, il 76% dei quali ha avuto risposte sia dei linfociti T CD4+ che CD8+.
Tra i pazienti con neoplasie ematologiche, il 45% ha avuto una risposta dei linfociti T, l'81% dei quali ha avuto risposte sia dei linfociti CD4+ che CD8+.

In un altro studio, Addeo et al ( Cancer Cell 2021 ) hanno misurato i titoli anticorpali IgG anti-spike di SARS-CoV-2 in 106 pazienti con tumori solidi e in 25 con neoplasie ematologiche che hanno ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech o il vaccino Moderna.
Dopo la seconda vaccinazione, il tasso di sieroconversione è risultato significativamente più basso nel gruppo con neoplasie ematologiche rispetto al gruppo con tumori solidi ( 77% vs 98%, P = 0.002 ).
I titoli anticorpali mediani erano significativamente più bassi anche nel gruppo con neoplasie ematologiche ( 832 U/mL vs superiore a 2500 U/mL; P = 0.029 ).
Rispetto ai pazienti non-in-terapia attiva, i livelli di titolo anticorpale erano significativamente più bassi tra i pazienti che avevano ricevuto chemioterapia citotossica ( P = 0.019 ) o terapia con anticorpi monoclonali ( P = 0.029 ) entro 6 mesi prima della prima dose di vaccino.
Tutti e 4 i pazienti che avevano ricevuto la terapia anti-CD20, erano sieronegativi.

In un terzo studio, Ligumsky et al ( J Natl Cancer Inst, 2021 ) hanno misurato i titoli anticorpali IgG anti-spike di SARS-CoV-2 dopo due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech, confrontando 164 adulti sani con 326 pazienti con tumori solidi e trattati con terapie antitumorali.
Il tasso di sieronegatività era significativamente più alto nel gruppo con cancro rispetto al gruppo di controllo ( 11.9% vs 3.0%; P = 0.001 ) e i titoli anticorpali mediani erano significativamente più bassi nel gruppo con cancro rispetto al gruppo di controllo ( 931 AU/ml vs 2817 AU/ml, P =0.003 ).
Il tasso di sieronegatività è risultato più alto nei pazienti trattati con chemioterapia ( 18.8% ) rispetto ai pazienti che hanno ricevuto inibitori del checkpoint ( 9.1% ) e a quelli che hanno ricevuto una terapia mirata ( 2.6%; P = 0.02 ).
Anche i titoli medi di IgG erano significativamente differenti tra i tipi di trattamento: 578 AU/ml con chemioterapia, 793 AU/ml con inibitori del checkpoint immunitario e 1895 AU/ml con terapia mirata ( P = 0.002 ).

In un quarto studio, Thakkar et al ( Cancer Cell, 2021 ) hanno valutato le risposte alla vaccinazione con il vaccino Pfizer-BioNTech, Moderna o Johnson & Johnson.
I tassi di sieroconversione sono stati del 98% tra i 134 pazienti con tumori solidi e dell'85% tra i 66 pazienti con neoplasie ematologiche ( P = 0.001 ).
Il tasso di sieroconversione è risultato significativamente più basso nei pazienti in chemioterapia attiva rispetto a tutti gli altri pazienti oncologici ( 92% vs 99%; P = 0.04 ).
I tassi di sieroconversione sono stati elevati nei pazienti che hanno ricevuto terapia ormonale ( 100% ) o inibitori del checkpoint immunitario ( 97% ) ma inferiori nei pazienti che hanno ricevuto un trapianto di cellule staminali ( 73% ), terapie anti-CD20 ( 70% ) o terapia CAR-T ( 0% ).

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Meeting, 2021

Onco2021 Emo2021 Farma2021


Indietro