Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
OncoGinecologia

Rituximab versus approccio di vigile attesa in pazienti con linfoma follicolare non-bulky, in stadio avanzato e asintomatico


Pazienti con linfoma follicolare in stadio avanzato, con basso impatto del tumore sono, in genere, sottoposti a vigile attesa fino alla progressione della malattia.

È stato condotto uno studio per valutare se l’uso di Rituximab ( MabThera, Rituxan ) potesse ritardare il bisogno di chemio o radioterapia rispetto alla vigile attesa e per valutare l’effetto di questa strategia sulla qualità di vita.

Pazienti asintomatici ( età uguale o superiore a 18 anni ) con linfoma follicolare a basso impatto ( gradi 1, 2 e 3a ) sono stati assegnati in maniera casuale e in un rapporto 1:1:1 con stratificazione per istituzione, grado, stadio ed età, a vigile attesa, Rituximab 375 mg/m2 una volta a settimana per 4 settimane ( induzione con Rituximab ) o a induzione con Rituximab seguita da uno schema di mantenimento di 12 ulteriori infusioni somministrate a intervalli di 2 mesi per 2 anni ( mantenimento con Rituximab ).

A settembre 2007, il reclutamento nel gruppo induzione con Rituximab è stato chiuso, e lo studio è stato modificato secondo un disegno a due bracci.

Gli endpoint primari erano il tempo all’inizio del nuovo trattamento e la qualità di vita al mese 7 ( cioè 6 mesi dopo il completamento dell’induzione con Rituximab ).

Tutti i pazienti randomizzati sono stati inclusi nella analisi del tempo all’inizio del nuovo trattamento con una analisi per intention-to-treat.

Al momento lo studio principale è completo ed è in corso il follow-up a lungo termine.

Nel periodo 2004-2009, 379 pazienti da 118 Centri di Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda, Turchia e Polonia, sono stati assegnati in maniera casuale a vigile attesa o a mantenimento con Rituximab; 84 pazienti erano stati inclusi nel gruppo induzione con Rituximab prima della sua chiusura anticipata.

È stata osservata una differenza significativa nel tempo all’inizio di un nuovo trattamento, con il 46% dei pazienti nel gruppo vigile attesa che non ha avuto bisogno di trattamento a 3 anni rispetto al 88% nel gruppo mantenimento con Rituximab ( hazard ratio [ HR ] 0.21; p inferiore a 0.0001 ).

Il 78% dei pazienti nel gruppo induzione con Rituximab non ha avuto bisogno del trattamento a 3 anni, una percentuale significativamente superiore rispetto a quella osservata nel gruppo vigile attesa ( HR=0.35; p inferiore a 0.0001 ), ma non diversa da quella del gruppo mantenimento con Rituximab ( 0.75; p=0.33 ).

Rispetto al gruppo vigile attesa, i pazienti nel gruppo mantenimento con Rituximab hanno mostrato miglioramenti significativi nel punteggio alla scala MAC ( Mental Adjustment to Cancer ) ( p=0.0004 ) e nel punteggio Illness Coping Style ( p=0.0012 ) tra il basale e il mese 7.

I pazienti nel gruppo induzione con Rituximab non hanno mostrato miglioramenti nella qualità di vita rispetto a quelli del gruppo vigile attesa.

Si sono verificati 18 eventi avversi gravi nei gruppi Rituximab ( 4 nel gruppo induzione con Rituximab e 14 nel gruppo mantenimento con Rituximab ), 12 dei quali erano di grado 3 o 4 ( 5 infezioni, 3 reazioni allergiche e 4 casi di neutropenia ), tutti completamente risolti.

In conclusione, la monoterapia con Rituximab dovrebbe essere presa in considerazione come opzione di trattamento per pazienti con linfoma follicolare a basso impatto, asintomatico e in stadio avanzato. ( Xagena2014 )

Ardeshna KM et al, Lancet Oncol 2014; 15: 424-435

Onco2014 Emo2014 Farma2014


Indietro