Lung Unit
BMS
Roche Oncologia
Novartis

Sacituzumab govitecan ha migliorato la sopravvivenza nel carcinoma mammario triplo negativo pretrattato


Sacituzumab govitecan ( Trodelvy ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto alla chemioterapia in monoterapia tra i pazienti con carcinoma mammario metastatico triplo negativo pretrattato.

I risultati primari dello studio di fase 3, randomizzato, ASCENT, di conferma, hanno anche mostrato che Sacituzumab govitecan, un coniugato farmaco-anticorpo costituito da un anticorpo anti-Trop-2 accoppiato al metabolita attivo dell'Irinotecan, SN-38, era ben tollerato e aveva un profilo di sicurezza coerente con quello precedentemente osservato.

L'approvazione accelerata da parte dell'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA, si era basata sui dati precedentemente riportati che avevano mostrato un tasso di risposta globale ( ORR ) del 33% e una sopravvivenza PFS mediana di 5.5 mesi.

Per confermare questi risultati, è stato disegnato uno studio in cui 468 pazienti con carcinoma alla mammella triplo negativo metastatico, recidivante o refrattario, sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1:1 a 10 mg/kg di Sacituzumab govitecan per via endovenosa nei giorni 1 e 8 di ciascun ciclo di 21 giorni ( n = 235; età mediana, 54 anni; intervallo, 29-82; 99% donne; 80% razza bianca ) o trattamento a scelta del medico tra Capecitabina, Eribulina, Vinorelbina o Gemcitabina ( n = 233; età media, 53 anni; intervallo, 27-81; 100% donne; 78% bianchi ) fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.

Tutti i pazienti erano stati precedentemente trattati con due o più precedenti chemioterapie ( mediana, 4 ).

L'endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza senza progressione, misurata mediante revisione centrale secondo i criteri RECIST v1.1, tra i pazienti senza metastasi cerebrali.
La sopravvivenza globale, il tasso di risposta obiettiva e la sicurezza erano endpoint secondari.

All'inizio del 2020, lo studio ASCENT è stato interrotto anticipatamente a causa di evidenze convincenti di efficacia.
I risultati dello studio hanno mostrato che il trattamento con Sacituzumab govitecan ha migliorato significativamente la sopravvivenza PFS mediana ( 5.6 mesi versus 1.7 mesi; hazard ratio, HR = 0.41; P inferiore a 0.0001 ) e la sopravvivenza OS mediana ( 12.1 mesi versus 6.7 mesi; HR = 0.48; IC 95%, 38-59 ).

Risultati simili sono stati osservati per la sopravvivenza PFS valutata dallo sperimentatore ( HR = 0.35 ) e per la popolazione complessiva dei pazienti ( n = 529 ), che comprendeva pazienti con metastasi cerebrali ( HR = 0.42 ).

Il vantaggio in termini di sopravvivenza senza progressione di Sacituzumab govitecan rispetto alla chemioterapia era coerente in tutti i sottogruppi prespecificati, tra cui età, razza, precedente chemioterapia, precedente uso di inibitori del checkpoint immunitario e metastasi epatiche.

Inoltre, il tasso di risposta obiettiva è stato del 35% con Sacituzumab govitecan rispetto a solo il 5% con la chemioterapia in monoterapia ( P inferiore a 0.0001 ).

Non sono stati riportati decessi associati al trattamento con Sacituzumab govitecan.

I più comuni eventi avversi di grado 3 correlati al trattamento comprendevano: neutropenia ( 51% ), diarrea ( 10.5% ), anemia ( 8% ) e neutropenia febbrile ( 6% ); i più comuni eventi nel gruppo chemioterapico erano neutropenia ( 33% ), diarrea ( inferiore a 1% ), anemia ( 5% ) e neutropenia febbrile ( 2% ). ( Xagena2020 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Virtual Congress, 2020

Gyne2020 Onco2020 Farma2020


Indietro