Natera Banner
Gilead Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Sacituzumab govitecan nei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico in progressione dopo chemioterapia a base di Platino e inibitori del checkpoint: studio TROPHY-U-01


I pazienti con carcinoma uroteliale metastatico ( mUC ) che progrediscono con la chemioterapia a base di Platino ( PLT ) e gli inibitori del checkpoint ( CPI ) hanno opzioni limitate che offrono tassi di risposta obiettiva ( ORR ) di circa il 10% con una sopravvivenza globale ( OS ) mediana di 7-8 mesi.

Sacituzumab govitecan ( Trodelvy ) è un coniugato anticorpo-farmaco diretto a TROP-2 con un carico di SN-38 che ha mostrato attività preliminare nel carcinoma uroteliale metastatico.

TROPHY-U-01 è uno studio di registrazione multicoorte, in aperto, di fase II. La coorte 1 ha incluso pazienti con carcinoma uroteliale metastatico localmente avanzato o non-resecabile che erano progrediti dopo precedenti trattamenti con chemioterapia a base di Platino e inibitori del checkpoint.
I pazienti hanno ricevuto Sacituzumab govitecan 10 mg/kg nei giorni 1 e 8 di cicli di 21 giorni.

L'esito primario era il tasso di risposta obiettiva rivisto a livello centrale; gli esiti secondari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale, la durata della risposta e la sicurezza.

La coorte 1 ha incluso 113 pazienti ( 78% uomini; età media 66 anni; 66.4% metastasi viscerali; mediana di 3 precedenti terapie ).

A un follow-up mediano di 9.1 mesi, il tasso ORR è stato del 27% ( 31 su 113 ); il 77% ha presentato una diminuzione della malattia misurabile.

La durata mediana della risposta è stata di 7.2 mesi, con sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale ( valori mediani ) di 5.4 mesi e 10.9 mesi, rispettivamente.

Gli eventi avversi principali correlati al trattamento di grado 3 o superiore hanno incluso neutropenia ( 35% ), leucopenia ( 18% ), anemia ( 14% ), diarrea ( 10% ) e neutropenia febbrile ( 10% ), con il 6% di interruzione del trattamento a causa di eventi avversi correlati al trattamento.

Sacituzumab govitecan è un farmaco attivo con un profilo di sicurezza gestibile con le tossicità più comuni rappresentate da neutropenia e diarrea.
Sacituzumab govitecan ha un'efficacia notevole rispetto ai controlli storici nel tumore uroteliale metastatico pretrattato progredito sia con precedenti regimi a base di Platino che con inibitori del checkpoint.
I risultati di questo studio hanno supportato l'approvazione accelerata di Sacituzumab govitecan in questa popolazione. ( Xagena2021 )

Tagawa ST et al, J Clin Oncol 2021; 39: 2474-2485

Uro2021 Onco2021 Farma2021



Indietro