Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
OncoGinecologia
Tumore polmone

Savolitinib nel carcinoma a cellule renali papillare avanzato


I pazienti con carcinoma a cellule renali papillare ( PRCC ) avanzato hanno opzioni terapeutiche limitate.
Il carcinoma a cellule renali papillare può comportare l'attivazione del percorso MET, ad esempio attraverso l'amplificazione o le mutazioni del gene.
Savolitinib ( AZD6094, HMPL-504, Volitinib ) è un inibitore della tirosin-chinasi di MET altamente selettivo.

Sono stati riportati i risultati di uno studio di fase II multicentrico a braccio singolo che ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Savolitinib in pazienti con carcinoma a cellule renali papillare in base allo stato di MET.

I pazienti con carcinoma a cellule renali papillare istologicamente confermato localmente avanzato o metastatico hanno ricevuto Savolitinib 600 mg per via orale una volta al giorno.

Il carcinoma a cellule renali papillare guidato da MET è stato definito come: guadagno del cromosoma 7, amplificazione del gene focale MET o HGF o mutazione del dominio della chinasi MET.
L'efficacia è stata valutata in base allo stato di MET.
La sicurezza, la tossicità e i risultati sulla qualità di vita riferiti dal paziente sono stati valutati in tutti i pazienti.

Su 109 pazienti trattati, il carcinoma a cellule renali papillare era guidato da MET in 44 pazienti ( 40% ) e indipendente da MET in 46 ( 42% ); lo status di MET era sconosciuto in 19 ( 17% ).

Il carcinoma a cellule renali papillare guidato da MET è risultato fortemente associato alla risposta; ci sono stati 8 responder parziali confermati con malattia guidata da MET ( 18% ), ma nessuno con malattia indipendente da MET ( P=0.002 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione per i pazienti con carcinoma a cellule renali papillare guidato da MET e indipendente da MET è stata, rispettivamente, di 6.2 mesi e 1.4 mesi, ( hazard ratio, HR=0.33; log-rank P minore di 0.001 )

Gli eventi avversi più frequenti associati a Savolitinib sono stati: nausea, affaticamento, vomito ed edema periferico.

In conclusione, i dati hanno mostrato l'attività e la tollerabilità di Savolitinib nel sottogruppo di pazienti con carcinoma a cellule renali papillare guidato da MET.
Inoltre, la caratterizzazione molecolare dello stato MET è risultata più predittiva della risposta a Savolitinib rispetto a una classificazione basata sulla patologia.
Questi risultati hanno giustificato le indagini su Savolitinib nel carcinoma a cellule renali papillare guidato da MET. ( Xagena2017 )

Choueiri TK et al, J Clin Oncol 2017 35: 2993-3001

Uro2017 Nefro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro