Roche Oncologia
Novartis
OncoHub
Tumore prostata

Sopravvivenza con Olaparib nel tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione


È stato precedentemente segnalato che Olaparib ( Lynparza ) ha portato a una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) basata sull'imaging significativamente più lunga rispetto alla scelta del medico di Enzalutamide o Abiraterone tra gli uomini con tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione che presentavano alterazioni qualificanti nei geni di riparazione della ricombinazione omologa, e la cui malattia era progredita durante il trattamento precedente con un agente ormonale di nuova generazione.
I risultati dell'analisi finale di sopravvivenza globale non sono ancora stati riportati.

In uno studio di fase 3 in aperto, sono stati assegnati in modo casuale i pazienti a ricevere Olaparib ( 256 pazienti ) o Enzalutamide o Abiraterone a scelta del medico più Prednisone come terapia di controllo ( 131 pazienti ).

La coorte A ha incluso 245 pazienti con almeno un'alterazione in BRCA1, BRCA2 o ATM e la coorte B ha compreso 142 pazienti con almeno un'alterazione in uno qualsiasi degli altri 12 geni prespecificati.
Il crossover a Olaparib è stato consentito dopo la progressione della malattia basata sull'imaging per i pazienti che soddisfacevano determinati criteri.

La durata mediana della sopravvivenza globale ( OS ) nella coorte A è stata di 19.1 mesi con Olaparib e di 14.7 mesi con la terapia di controllo ( hazard ratio per la morte, HR=0.69; P=0.02 ).
Nella coorte B, la durata mediana della sopravvivenza globale è stata di 14.1 mesi con Olaparib e di 11.5 mesi con la terapia di controllo.
Nella popolazione complessiva ( coorte A e B ), le durate corrispondenti sono state di 17.3 mesi e di 14.0 mesi.

Complessivamente, 86 pazienti su 131 ( 66% ) nel gruppo di controllo sono passati a ricevere Olaparib ( 56 su 83 pazienti nella coorte A, 67% ).
Un'analisi di sensibilità aggiustata per il crossover a Olaparib ha mostrato hazard ratio per la morte di 0.42 nella coorte A, 0.83 nella coorte B e 0.55 nella popolazione complessiva.

Tra gli uomini con tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione che avevano tumori con almeno un'alterazione in BRCA1, BRCA2 o ATM e la cui malattia era progredita durante il precedente trattamento con un agente ormonale di nuova generazione, quelli che erano stati inizialmente assegnati a ricevere Olaparib hanno avuto un durata della sopravvivenza globale significativamente più lunga rispetto a coloro che erano stati assegnati a ricevere Enzalutamide o Abiraterone più Prednisone come terapia di controllo, nonostante il sostanziale passaggio dalla terapia di controllo a Olaparib. ( Xagena2020 )

Hussain M et al, N Engl J Med 2020; 383: 2345-2357

Uro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro