Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoDermatologia
Melanome

Sopravvivenza dopo isterectomia radicale minimamente invasiva per tumore alla cervice in stadio precoce


La chirurgia mini-invasiva è stata adottata come alternativa alla laparotomia (chirurgia a cielo aperto) per l'isterectomia radicale in pazienti con cancro della cervice in stadio precoce prima che fossero disponibili evidenze di alta qualità riguardanti i suoi effetti sulla sopravvivenza. Si è cercato di determinare l'effetto della chirurgia mini-invasiva sulla mortalità per tutte le cause tra le donne sottoposte a isterectomia radicale per cancro della cervice.

È stato condotto uno studio di coorte su donne sottoposte a isterectomia radicale per cancro alla cervice in fase IA2 o IB1 durante il periodo 2010-2013 presso gli ospedali accreditati dalla Commission on Cancer negli Stati Uniti.

Nell'analisi primaria, 1.225 donne su 2.461 ( 49.8% ) sono state sottoposte a chirurgia mini-invasiva.
Le donne trattate con chirurgia mini-invasiva erano più spesso bianche, assicurate privatamente, e, basandosi sui codici postali, con più alto status socioeconomico, con tumori di minori dimensioni e di grado inferiore e con più probabilità di aver ricevuto una diagnosi più tardi nel periodo di studio rispetto alle donne che erano state sottoposte a chirurgia a cielo aperto.

Dopo un follow-up mediano di 45 mesi, la mortalità a 4 anni è stata del 9.1% tra le donne sottoposte a chirurgia mini-invasiva e del 5.3% tra quelle sottoposte a chirurgia a cielo aperto ( hazard ratio, HR=1.65, P=0.002 con test log-rank ).

Prima dell'adozione dell'isterectomia radicale minimamente invasiva ( cioè nel periodo 2000-2006 ), il tasso di sopravvivenza relativa a 4 anni tra le donne sottoposte a isterectomia radicale per cancro della cervice è rimasto stabile ( variazione percentuale annua, 0.3% ).

L'adozione della chirurgia mini-invasiva ha coinciso con un calo del tasso di sopravvivenza relativa a 4 anni dello 0.8% all'anno dopo il 2006 ( P=0.01 per cambiamento di tendenza ).

In conclusione, in uno studio epidemiologico, l'isterectomia radicale minimamente invasiva è stata associata a una sopravvivenza globale più breve rispetto alla chirurgia a cielo aperto tra le donne con carcinoma della cervice in stadio IA2 o IB1. ( Xagena2018 )

Melamed A et al, N Engl J Med 2018; 379: 1905-1914

Onco2018 Gyne2018 Chiru2018



Indietro