Novartis
OncoHub
Janssen Oncology
Oncologia Morabito

Sorafenib nel osteosarcoma di alto grado recidivato e non-resecabile dopo fallimento della terapia multimodale standard


Dopo la terapia multimodale standard, la prognosi dell’osteosarcoma di alto grado recidivato e non-resecabile è non-favorevole, e non è cambiata negli ultimi decenni.

Recentemente, è stato dimostrato che le chinasi attivate da mitogeni sono attivate nei campioni di osteosarcoma, suggerendo, quindi, che queste rappresentino bersagli per l’inibitore multichinasico Sorafenib ( Nexavar ).

Di conseguenza, è stata valutata l’attività di Sorafenib nei pazienti con osteosarcoma recidivato e non-resecabile.

Pazienti di età superiore a 14 anni, in progressione dopo trattamento standard, sono risultati idonei a ricevere 400 mg di Sorafenib 2 volte al giorno fino alla progressione o a tossicità non-accettabile.

L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione a 4 mesi.
Obiettivi secondari erano la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza generale, il tasso di beneficio clinico, definito come assenza di progressione a 6 mesi e sicurezza.

Lo studio non-randomizzato di fase II ha utilizzato un disegno di Simon a due stadi.

Sono stati arruolati 35 pazienti.

La sopravvivenza libera da progressione a 4 mesi è stata del 46%.

I valori mediani di sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza generale sono stati, rispettivamente, di 4 e di 7 mesi.

Il tasso di beneficio clinico è stato pari al 29%.

Sono state osservate 3 ( 8% ) risposte parziali, 2 ( 6% ) risposte minori ( riduzione del tumore inferiore a 30% ) e 12 ( 34% ) malattie stabili.

Per 6 pazienti ( 17% ), la risposta parziale / malattia stabile è durata per un periodo uguale o superiore a 6 mesi.

La riduzione della densità del tumore e le risposte in PET con 2-18F-fluoro-2-deossi-d-glucosio ( FDG ) sono state osservate nei pazienti con malattia stabile.

Sorafenib è stato ridotto o brevemente interrotto in 16 ( 46% ) pazienti ed è stato sospeso in modo permanente in 1 ( 3% ) caso a causa della tossicità.

In conclusione, Sorafenib ha mostrato attività come trattamento di seconda o terza linea in termini di sopravvivenza libera da progressione a 4 mesi con alcune risposte a lungo termine.
L’impiego di Sorafenib, la prima terapia mirata che mostra attività in pazienti con osteosarcoma, richiede ulteriori studi. ( Xagena2013 )

Grignani G et al, Ann Oncol 2012; 23: 508-516

Onco2013 Farma2013


Indietro