Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
OncoDermatologia

Studio GRID: efficacia e sicurezza di Regorafenib nei tumori stromali gastrointestinali avanzati dopo fallimento di Imatinib e Sunitinib


Fino ad ora, solo Imatinib ( Glivec ) e Sunitinib ( Sutent ) hanno dimostrato benefici clinici nei pazienti con tumori stromali gastrointestinali ( GIST ), ma quasi tutti i tumori stromali gastrointestinali metastatici sviluppano resistenza a questi agenti, con conseguente progressione a malattia ad esito fatale.

Si è voluto valutare l'efficacia e la sicurezza di Regorafenib in pazienti con tumori stromali gastrointestinali metastatici o non-operabili in progressione dopo il fallimento di almeno Imatinib e Sunitinib.

È stato effettuato uno studio di fase 3 in 57 ospedali in 17 Stati.

I pazienti con tumori stromali gastrointestinali istologicamente confermati, metastatici o non-operabili, con precedente fallimento delle terapie a base, almeno, di Imatinib e di Sunitinib sono stati assegnati in modo casuale, in un rapporto 2:1, a ricevere Regorafenib ( Stivarga ) 160 mg per os al giorno oppure placebo, oltre alle migliori cure di supporto in entrambi i gruppi, per le prime 3 settimane di ogni ciclo di 4 settimane.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Alla progressione della malattia, i pazienti assegnati al placebo potevano passare a Regorafenib.

Nel 2011, 240 pazienti sono stati sottoposti a screening e 199 sono stati randomizzati a ricevere Regorafenib ( n=133 ) oppure placebo ( n=66 ).
Il cutoff dei dati è stato fissato alla fine di gennaio 2012.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 4.8 mesi per Regorafenib e 0.9 mesi per il placebo ( hazard ratio, HR=0.27; P minore di 0.0001 ).

Dopo la progressione, 56 pazienti ( 85% ) trattati con placebo sono passati a Regorafenib.

Gli eventi avversi correlati al farmaco sono stati riportati in 130 pazienti ( 98% ) assegnati a Regorafenib e 45 ( 68% ) assegnati al placebo.
Gli eventi avversi correlati a Regorafenib più comuni di grado 3 o superiore sono stati ipertensione ( 23% ), reazione cutanea mano-piede ( 20% ) e diarrea ( 5% ).

I risultati di questo studio hanno mostrato che Regorafenib orale è in grado di fornire un significativo miglioramento della sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo nei pazienti con tumori stromali gastrointestinali metastatici dopo progressione con trattamenti standard.
Questo è il primo studio clinico che ha mostrato i benefici di un inibitore della chinasi in questa popolazione di pazienti altamente refrattaria. ( Xagena2013 )

Demetri GD et al, Lancet 2013; 381: 9863: 295-302

Onco2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro